WTCC Germania: doppietta per López, incidente per Monteiro e Muller

di 28 maggio 2016, 14:32
WTCC | Germania: doppietta per López, incidente per Monteiro e Muller

Bravo e fortunato. José María López ha conquistato un'importantissima doppietta nell'Inferno Verde, mettendo un sigillo fondamentale sul WTCC 2016. Tiago Monteiro è rimasto invece vittima di un pesante incidente nella prima manche mentre occupava la prima posizione, dovendo disertare poi gara-2 per i danni riportati; handicap di punti al quale si potrebbe aggiungere la squalifica dai Gran Premi di Ungheria e Marocco per la quale Honda ha presentato appello.

Monteiro approfitta appieno della pole position di gara-1, frutto della griglia invertita rispetto alle qualifiche di ieri. Il portoghese è il più lesto al via distanziando subito Bennani e Björk, mentre subito dietro Catsburg rimane fermo in piazzola di partenza. Ottimo invece lo spunto delle Citroën ufficiali, che si portano immediatamente alle spalle della Volvo #62. Dal fondo dello schieramento risale forte anche Huff.

Bennani commette un paio di errori nella prima parte della Nordschleife, perdendo diverse posizioni: ne approfittano, oltre a Muller e López, anche Chilton, Coronel e Michelisz. Monteiro prende vantaggio su Björk, che sembra resistere al ritorno delle C-Elysée ma si deve fermare al termine del primo giro col motore in fumo.

Mentre Huff recupera abilmente la top ten, superando anche Tarquini per il nono posto all'inizio del secondo giro, Chilton e Coronel riescono incredibilmente a tenere la scia di Muller e López. Monteiro è costretto a difendersi a spalle larghe sull'eterno rettilineo Dottinger Höhe, portando Muller a pizzicare l'erba e difendendo così la prima posizione.

All'inizio dell'ultimo giro, López tira dritto alla prima esse permettendo a Chilton di scavalcarlo, ma la reazione è pronta e al curvone Dunlop l'argentino ritorna davanti al britannico. A Fuchsröhre, Coronel fora l'anteriore destra e sbatte contro il guardrail danneggiando visibilmente la sua Chevrolet Cruze. Ma i colpi di scena non terminano qui, perché Monteiro finisce fuori pista ad alta velocità a Kesselchen, anche qui probabilmente a causa di una foratura: la Civic #18 rientra pericolosamente in pista e Muller se la ritrova in traiettoria, colpendola, mentre López riesce ad evitare l'impatto transitando ad alta velocità sull'erba.

Dopo l'enorme spavento, López vince gara-1 con mezzo secondo di vantaggio su Chilton. Michelisz completa il podio davanti a Huff, che nel corso dell'ultimo passaggio ha ragione anche di Bennani e Valente. Tarquini, Ekblom, Catsburg e Sabine Schmitz completano la zona punti.

Gara-2 perde così tre protagonisti annunciati, allorché Monteiro, Coronel e Muller non riescono a ripartire. Björk invece parte dall'ultima casella, avendo violato il regime di parco chiuso che impedisce le riparazioni tra le due manches al di fuori del cosiddetto "repairing time".

Al semaforo verde della seconda manche Michelisz, che ha guadagnato due posizioni in griglia con i forfait di Muller e Coronel, sorprende López. Ma come in gara-1 con Chilton, anche l'ungherese subisce la pronta reazione del due volte iridato, che ritorna al comando alla esse intitolata a Michael Schumacher. Huff invece sorprende Catsburg e si porta quarto, alle spalle di Chilton.

López prende subito vantaggio, con Michelisz abile a difendersi da Chilton e dal potentissimo motore della sua Citroën. Nelle retrovie risalgono bene le Volvo, con Ekblom e Björk che hanno ragione di Valente durante il secondo giro. In casa Lada, anche Catsburg è costretto a lasciare strada a Mehdi Bennani per il quinto posto.

Al termine del secondo e penultimo giro, López inizia a lamentare problemi al motore perdendo gran parte del suo vantaggio sul Dottinger Höhe. Michelisz sembra poter sferrare un attacco ma López riesce a mantenere la Civic #5 a distanza di sicurezza. Nel frattempo Huff inizia a spingere forte su Chilton per l'ultimo gradino del podio, conscio che nell'ultimo settore dei 25 chilometri della Nordschleife non avrebbe speranza di scavalcare la Citroën #3: il leader della categoria indipendenti riesce a resistere, dovendo tuttavia sacrificare un possibile attacco a Michelisz per la piazza d'onore.

López conquista la doppietta nonostante la perdita di potenza del 1.6 turbo della sua C-Elysée, Michelisz termina secondo davanti a Chilton e Huff. Bennani è quinto precedendo Catsburg e le Volvo di Ekblom e Björk, che nell'ultimo giro si sbarazzano anche di Tarquini. Decimo posto ed ultimo punto disponibile per Hugo Valente.

In attesa del ricorso Honda, che dunque congela i risultati dei due weekend precedenti, López aumenta a 69 le lunghezze di vantaggio su Monteiro, che mantiene il secondo posto nonostante il doppio zero per pochissimi punti sui due compagni di squadra. Importante doppietta per Chilton nel WTCC Trophy, con Bennani che conserva 17 punti di vantaggio con i due secondi posti odierni. Leadership invariate per Citroën e Loeb Racing nelle classifiche costruttori e squadre.

Prossimo appuntamento tra due settimane, con il Gran Premio di Russia al Moscow Raceway.

Gara-1:

gara1

Gara-2:

gara2

Classifica generale:

generale

Immagine copertina: fiawtcc.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.