WRX Kristoffersson rompe l’egemonia di Ekstrom in Belgio

Sul circuito di Mettet tanti colpi di scena. La Volkswagen emerge dalla “carneficina” di 15 maggio 2017, 09:00 137 visualizzazioni
WRX | Kristoffersson rompe l’egemonia di Ekstrom in Belgio

Il circuito belga intitolato a Jules Tacheny, il più difficile per la messa a punto del mezzo meccanico, ha messo alla prova i piloti del WRX ma anche i cuori dei tifosi, viste le tante sorprese di oggi. Il vincitore/sopravvissuto di giornata è stato Johan Kristoffersson, che ha terminato l’egemonia di Mattias Ekstrom e dell’Audi S1. Una vittoria che fino all’ultimo giro sembrava destinata alla sorpresa chiamata Timmy Hansen, ma una foratura alla gomma anteriore sinistra l’ha costretto a cedere il primo posto all’avversario. Hansen ha terminato secondo, davanti all’altra VW Polo R di Petter Solberg. Fuori dal podio il campione del mondo in carica, quarto.

Le Batterie di Qualificazione anche stavolta hanno mostrato una superiorità delle Volkswagen, che a inizio weekend si dimostrano sempre un passo avanti. Primo e secondo posto per le vetture di Wolfsburg, con lo svedese Kristoffersson davanti al bicampione del mondo Solberg. Molto bene anche le due Focus RS del team Hoonigan: nel team americano finalmente splende il sole dopo due weekend sfortunatissimi, con Bakkerud quarto nelle Qualifying e Ken Block sesto. Solo ottavo nelle Qualifiche il #1 di casa Audi Mattias Ekstrom. Eliminazioni degne di nota per Reinis Nitiss (Audi) eKevin Hansen (Peugeot): quest’ultimo ha pagato un capottamento tremendo in Q4. Per fortuna solo un brutto shock per lo svedese.

Nella prima Semifinale i problemi sono iniziati nella solita prima curva a imbuto, che ha portato Sébastien Loeb a un duro contatto con la barriera, con conseguente rottura e ritiro. Davanti il suo compagno di squadra Hansen, dopo essersi tenuto la VW di Kristoffersson dietro, l’ha battuta anche in uscita dal Joker Lap andando a conquistare la prima fila della Finale. Oltre ai due si è qualificata anche la Fiesta di Kevin Eriksson.

La Semifinale #2, anche questa con una VW come favorita, ha confermato le attese. In prima posizione si è piazzato proprio Petter Solberg, che ha saputo recuperare benissimo sulle partenze brucianti delle Ford Focus RS di Andreas Bakkerud e Ken Block. Il maestro delle gimcane ha poi alzato bandiera bianca per un’uscita di pista e ha così lasciato spazio al campione del mondo Ekstrom, terzo dietro al duo norvegese.

Prima della Finale WRX c’è stata la gara finale delle RX Lites (anche dette RX2), una gara parecchio combattuta da cui è uscito vincitore Cyril Raymond dopo un contatto tra Rooke e Olofsson, che gli erano davanti; quest’ultimo è andato in testacoda dopo esser stato speronato dall’inglese. Da segnare l’ottima prestazione di Nilsson con la Volkswagen Up! in versione RX2, molto suggestiva da vedere ma costretta al ritiro per un guasto.

L’ultima corsa di giornata, la Finale WRX svoltasi su una durata di 6 giri, ha sorpreso tutti per il grado di spettacolo offerto. Tra i possibili vincitori è emerso proprio Kristoffersson, che ha soffiato il successo al compagno di squadra che era partito bene in testa. Solberg ha calato enormemente il ritmo dopo il sorpasso subìto da Timmy Hansen, che ha causato pure un contatto con Bakkerud, furioso perché costretto conseguentemente al ritiro. Il successo è sfuggito dalle mani di Timmy Hansen all’ultimo giro, per la già citata foratura e per un Joker Lap troppo lento.

Nelle classifiche mondiali il recupero di Kristoffersson oggi è stato impressionante: Ekstrom è l’unico pilota ad aver superato i 100 punti, con 101, ma il suo connazionale alfiere della VW è a soli 3 punti grazie alla somma ottenuta nelle Qualifiche. Terzo Solberg a 87 punti mentre Timmy Hansen, quarto, ha ricevuto 10 punti di penalità perché ha innescato, in una sorta di "effetto domino" l’incidente di Solberg e Bakkerud. Nel campionato costruttori la Peugeot paga parecchio questo weekend con il ritiro di Loeb: ora la squadra franco-svedese ha 134 punti, contro i 141 del team PSRX Volkswagen e i 187 del team EKS Audi Performance.

Il prossimo weekend di corse, tra due settimane, sarà alla Mecca del mondo Rallycross, nel luogo d’origine di questo sport: il circuito inglese di Lydden Hill, al suo ultimo anno di contratto. Qui, dove il rallycross è nato nel 1967, le gare sono sempre state spettacolari e i favoriti sembrerebbero di nuovo essere Solberg ed Ekstrom.

Fonte immagine: fiaworldrallycross.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE