WRC Rally di Svezia - Anteprima

Secondo appuntamento del mondiale, sulla neve scandinava. Ogier cerca la conferma di 06 febbraio 2017, 17:00
WRC | Rally di Svezia - Anteprima

Per il secondo appuntamento del mondiale 2017, il WRC si trasferisce dalla Costa Azzurra alla Scandinavia per affrontare un altro round storico, quello con il Rally di Svezia. Trattasi della 65esima edizione della più importante corsa su fondo innevato, la 40esima valida per il campionato del mondo, da sempre terreno di caccia degli abilissimi specialisti scandinavi: solo quattro volte la vittoria finale non ha arriso a questi, successi spartiti tra Sébastien Loeb (uno) e Sébastien Ogier (tre). Destinato a rimanere imbattuto a lungo il record del leggendario Stig Blomqvist, che si è imposto per sette volte tra il 1971 ed il 1984, cinque con Saab e due con Audi.

A proposito di Ogier, il suo quarto centro consecutivo al Rally di Montecarlo ha aperto al meglio la sua avventura da pilota Ford. Una vittoria arrivata grazie all'incidente occorso a Thierry Neuville, ma al termine di un fine settimana vissuto da protagonista come sempre. Il pilota di Gap ha trovato con grande facilità il feeling con la nuova Ford Fiesta, aggiudicandosi tre prove speciali dopo l'uscita di strada della PS3 che sembrava avere compromesso il suo rally. Con 39 vittorie nel mondiale, ora Ogier è esattamente a metà strada nella sua rincorsa al record assoluto di Sébastien Loeb.

Ogier potrebbe avere trovato un grande avversario proprio nel suo nuovo compagno di team, Ott Tänak, che è riuscito a mostrare finalmente le sue ottime doti anche alla guida di una vettura davvero competitiva, dopo gli exploit del 2016 alla guida della Fiesta del team DMACK. Il suo posto nel team anglo-cinese è stato preso dal figlio d'arte Elfyn Evans, a sua volta molto veloce in occasione del primo round stagionale. Entrambe le nuove leve dell'Ovale Blu potrebbero ricoprire un ruolo da protagonisti anche in Svezia, con il gallese che dovrà affrontare la grossa incognita dell'adattamento delle nuove gomme DMACK al fondo innevato.

Grande protagonista nel Principato è stato, come detto, Thierry Neuville. Il belga, sempre velocissimo e specialista dei terreni asfaltati, ha mostrato nuovamente tutti i lati del suo essere: un grande talento ma molto incostante, difetto questo che spesso ha limitato le sue performance in gara. Il debutto della Hyundai i20 si è quindi risolto con una power stage dominata ma tanto amaro in bocca. Migliorato molto anche sugli sterrati, Neuville è atteso alla rivincita in Svezia. 

Il team Hyundai, a Montecarlo, non ha trascorso in generale un weekend felice. L'incidente di Hayden Paddon della PS1, che è costato la vita ad uno spettatore, ha decisamente turbato l'ambiente nella scuderia di Alzenau, ora chiamata a rialzare la testa e a riprendere coraggio. Anche il pilota neozelandese, uscito di scena ancor prima di cominciare a Montecarlo, cercherà a sua volta di lasciarsi alle spalle una tragedia che lo ha segnato nel profondo, nonostante le sue colpe siano state davvero poche. Buono ma non eccellente il risultato di Daniel Sordo, quarto e molto staccato in un rally che invece doveva esaltare le sue qualità di "asfaltista".

Attesi anche i due alfieri Toyota, team giapponese ma a trazione decisamente finlandese. Jari-Matti Latvala è rimasto lontano dai guai, portando subito ad un podio "di esperienza" la nuova Yaris, mentre Juho Hänninen ha mostrato grande velocità incappando però in un errore che ha compromesso un buon risultato. L'ottimo rapporto di Latvala con la neve svedese, visti i suoi tre successi assoluti, è sicuramente un buon biglietto da visita per il ritorno di Toyota qui: la Casa di Aichi ha vinto tre volte consecutive in Svezia, dal 1992 al 1994, con la Celica.

Alla luce del debutto singhiozzante di Montecarlo, la Citroën C3 è sicuramente la vettura che più deve crescere dal punto di vista dell'affidabilità. Kris Meeke, accompagnato anche da una buona dose di sfortuna nell'apertura stagionale, cercherà di ritrovare il sorriso in un rally che mai lo ha visto protagonista in tre partecipazioni. Al suo fianco ci sarà Craig Breen, che nel Principato ha portato la vetusta DS3 ad un incredibile quinto posto, mentre Stéphane Léfèbvre guiderà proprio la vettura 2016 del Double Chevron.

Per quanto concerne il resto della entry list, in Svezia tornerà in gara anche Mads Østberg con una Ford Fiesta gestita dal suo team, Adapta Motorsport: il norvegese è salito sul podio qui per cinque volte negli ultimi sei anni e sicuramente è da annoverare come outsider di lusso. Lorenzo Bertelli e l'esperto Henning Solberg, invece, saranno alla guida di due Fiesta in specifica 2016, mentre Valeriy Gorban piloterà una vecchia Mini Cooper JCW.

Nella classe WRC-2, appena due piloti tra quelli già visti in azione a Montecarlo saranno presenti anche in Svezia: trattasi di Éric Camilli ed Emil Bergkvist, rispettivamente su Ford e Citroën. Andreas Mikkelsen, dominatore in Costa Azzurra, è ancora in cerca di un accordo per portare in gara una Volkswagen Polo versione 2017 in forma privata, pertanto le sue apparizioni in Škoda saranno limitate. La squadra ceca gareggerà in Svezia con una sola Fabia ufficiale, affidata a Pontus Tidemand, già veloce a Montecarlo ma in quell'occasione non iscritto per la classifica mondiale. Al fianco di Camilli sulla Fiesta R5 gestita da M-Sport ci sarà il neoacquisto Teemu Suninen, ma alla guida delle vetture americane vi saranno anche gli specialisti Eyvind Brynildsen (recordman del "Colin's Crest" con 45 metri di salto) e Anders Grøndal, nonché il vice-campione europeo in carica Alexey Lukyanuk. Presente anche il team di Tommi Mäkinen: alla guida di due Ford ci saranno i giapponesi Katsuta Takamoto e Hiroki Arai (figlio del due volte iridato Produzione, Toshihiro), che sono i primi due piloti dello young programme Toyota di cui il quattro volte iridato è a capo. Su una Škoda del team Printsport gareggerà invece il giovanissimo talento norvegese Ole Christian Veiby, 20 anni.

Oltre a Bertelli, l'unico pilota italiano in gara sarà Simone Tempestini con una Citroën DS3 R5 non iscritta però alla WRC-2. Sono in tutto 45 i piloti presenti nella entry list. Fox Sports trasmetterà quattro prove speciali in diretta, tra cui la prima nello stadio di Karlstad e la power stage.

65th Rally Sweden
Round 2/13
9-12 febbraio 2017

INFO PERCORSO

Distanza totale: 331,74 km
Numero prove speciali: 18
Prova speciale più lunga: Knon, 31,6 km
Prova speciale più breve: Karlstad, 1,9 km

RECORD

Vittorie pilota: 7 - Stig Blomqvist
Vittorie costruttore: 10 - Saab
Podi pilota: 16 - Stig Blomqvist
Podi costruttore: 37 - Ford
Presenze: 35 - Stig Blomqvist
Vittorie prove speciali: 131 - Stig Blomqvist

ALBO D'ORO

PROGRAMMA

Giovedì 9 febbraio
8:00 Shakedown
20:08 PS1 Karlstad 1 - Fox Sports (20:45)

Venerdì 10 febbraio
7:59 PS2 Röjden 1
9:06 PS3 Hof-Finnskog 1
10:20 PS4 Svullrya 1
13:20 PS5 Röjden 2
14:27 PS6 Hof-Finnskog 2
15:51 PS7 Svullrya 2
17:15 PS8 Torsby 1

Sabato 11 febbraio
8:08 PS9 Knon 1
9:17 PS10 Hagfors 1
10:08 PS11 Vargåsen 1 - Fox Sports
12:58 PS12 Knon 2
14:17 PS13 Hagfors 2
15:08 PS14 Vargåsen 2 - Fox Sports
17:45 PS15 Karlstad 2

Domenica 12 febbraio
7:55 PS16 Likenäs 1
9:58 PS17 Likenäs 2
12:18 PS18 Torsby 2 (Power Stage) - SkySport Plus


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.