WRC Rally di Polonia 2017 - Anteprima

Sugli sterrati dell'est Europa prosegue la rincorsa mondiale di 28 giugno 2017, 13:35
WRC | Rally di Polonia 2017 - Anteprima

Per l'ottavo appuntamento della stagione 2017, il WRC si sposta in Polonia. Un rally giunto alla 74esima edizione ma poco noto al grande pubblico fino al 2009, anno in cui è entrato per la prima volta nel calendario mondiale. Corsa che pertanto ha visto primeggiare i migliori rallisti "di casa" di sempre, sin dagli anni '20 del secolo scorso, ma anche diversi piloti italiani, vista la popolarità del gruppo Fiat (ora FCA) nell'est Europa. 

Questo è solamente il quinto Rally di Polonia valido per il mondiale e, delle quattro edizioni precedenti, due sono andate a Sébastien Ogier, leader della classifica generale. Sugli sterrati polacchi, Ogier si è sempre trovato a meraviglia ma è reduce probabilmente dal peggior rally della sua carriera: in Sardegna infatti non è mai stato protagonista, poco a suo agio con il terreno e anche con la sua Ford Fiesta che ha ripreso a dare qualche problema dopo il successo in Portogallo. I tanti eventi della corsa isolana gli hanno comunque consegnato 13 punti, ma il suo vantaggio su Thierry Neuville si è ridotto a 18 lunghezze.

Chi invece qui non si è mai trovato particolarmente bene è proprio Neuville, che ha collezionato solo un terzo posto nel 2014. Il belga tuttavia si candida come uomo da battere, perché è reduce da cinque podi consecutivi e anche perché la sua rimonta su Ogier, dai 36 punti di ritardo che aveva dopo la Svezia, sta forse per raggiungere il suo momento decisivo. Durante la pausa tra Sardegna e Polonia, Neuville è "tornato a casa" per disputare un altro rally storico, quello di Ypres, del quale ha vinto nove speciali su 20 concludendo però 35esimo a causa di un incidente nella PS6.

Un altro protagonista che ha ritrovato la bussola nelle ultime due prove è Hayden Paddon, che ha clamorosamente buttato alle ortiche un Sardegna altrimenti già vinto e meritato. Per una curiosa casualità, il ritorno al vertice di Paddon ha coinciso con il pensionamento anticipato del copilota John Kennard in favore di Sebastian Marshall, con il quale ha trovato da subito un ottimo feeling. Il neozelandese della Hyundai dovrà però limitare anche gli errori per portare a casa il risultato che in Sardegna (e pure in Portogallo) non è arrivato.

Molta attesa anche per Ott Tänak, che in Italia si è sbloccato conquistando la sua prima vittoria iridata. L'estone del team M-Sport proprio in Polonia è andato vicinissimo al successo nel 2016, perdendo il risultato grosso a causa di una foratura nella penultima prova speciale. Tänak ha dimostrato di non temere assolutamente il confronto con il quotatissimo compagno di squadra, tanto da riuscire a precederlo in classifica già tre volte, pertanto Ogier non deve vedere i 33 punti di vantaggio sul #2 come una sicurezza.

L'imprevedibilità di questo nuovo WRC, che nasconde insidie dietro ogni curva e all'interno di ogni singola prova, ha portato Jari-Matti Latvala sul podio sardo con la Toyota, sensazione mai più provata dopo il trionfo svedese di febbraio. Il finlandese continua a tenere viva una pur minima speranza di impresa iridata, pur essendo consapevole che la Yaris non riesce ancora ad essere competitiva in tutte le occasioni. Va notato comunque come Latvala abbia limitato enormemente gli errori rispetto agli anni passati, riuscendo praticamente sempre a concretizzare il massimo possibile durante questo campionato. Toyota ha inoltre confermato per il resto della stagione la sua terza guida, il vincitore del Polonia 2012 Esapekka Lappi, che molto bene ha figurato in Sardegna e potrebbe anche prendere il posto titolare di Juho Hänninen nel 2018.

Per quanto riguarda il capitolo Citroën, dopo la Sardegna è stata calata la "bomba" sul mondiale: il marchio francese ha messo a riposo Kris Meeke, reduce da un'incredibile sequela di incidenti e causa di ripetuti danni alla sua C3, preferendo dare una seconda possibilità (almeno per la Polonia) ad Andreas Mikkelsen. Il norvegese, detentore in carica di questo rally, in Sardegna ha corso con assoluta prudenza, badando a portare al traguardo la vettura, ma è presumibile che in Polonia la storia cambi. Proprio grazie alle indicazioni di Mikkelsen, Citroën ha apportato alcune modifiche alla sua vettura, spendendo un paio di "joker" sviluppo per la rampa del differenziale posteriore e per la ripartizione di coppia tra gli assali, nella speranza di renderne più "variegato" il range di competitività.

Un'interessante novità sul fronte dei piloti arriva da Ford, che schiererà una terza vettura nei colori M-Sport per il giovane finnico Teemu Suninen, sin qui protagonista della categoria WRC-2 con lo stesso team. Le Fiesta WRC Plus in Polonia saranno pertanto cinque e l'esperienza verrà ripetuta in Germania, dove sulla vettura di Suninen salirà invece l'esperto Armin Kremer. Sulle altre due vetture americane confermati, ovviamente, Elfyn Evans e Mads Østberg.

Tre vetture iscritte per il WRC Trophy, con il rientro in gara di Valeriy Gorban sulla Mini del team Eurolamp ad affiancare le Citroën DS3 del greco Jourdan Serderidis e del francese Jean-Michel Raoux.

In WRC-2 si assisterà invece al ritorno del leader del campionato, Pontus Tidemand, al volante della Škoda Fabia ufficiale. Si preannuncia un altro rally dominato dalla squadra ceca, perché con la promozione di Suninen e la seconda partecipazione "fuori classifica" consecutiva di Éric Camilli la maggior parte del plotone delle cadette sarà composto proprio dalle R5 di Boleslav: tra i protagonisti annunciati alla guida delle Fabia ci saranno Guerra, Veiby, Ptaszek e Gilbert, mentre per quanto riguarda Ford saranno presenti Greensmith, Heller e i piloti di casa KołtunChuchała, solitamente impegnati nel campionato europeo. A proposito della serie continentale, sarà assente qui uno dei suoi principali protagonisti nonché il rallista polacco più conosciuto e veloce, Kajetan Kajetanowicz, che questo rally lo ha vinto per ben tre volte. In gara anche due italiani, Simone Tempestini su Citroën e Fabio Andolfi su Hyundai.

Battaglia aperta anche in WRC-3, dove lo spagnolo Nil Solans si è portato al comando grazie alla vittoria in Sardegna. In Polonia tornerà però in azione Raphaël Astier, dominatore della categoria a Montecarlo e in Corsica, mentre un altro nome da tenere in considerazione è quello del pilota di casa Jakub Brzeziński, reduce da due uscite sfortunate in Portogallo e Italia. Anche questo appuntamento sarà valido per il mondiale junior, che vede sempre Solans al comando davanti ai francesi Ciamin e Folb.

Saranno ben cinque le prove speciali coperte da diretta televisiva: Fox Sports coprirà live quattro di queste, mentre la PS15 sarà trasmessa in differita di un'ora e mezza.

74. Orlen Rally Poland
Round 8/13
29 giugno-2 luglio 2017

INFO PERCORSO

Distanza totale: 318,74 km
Numero prove speciali: 23
Prova speciale più lunga: Pozezdrze, 21,24 km
Prova speciale più breve: Mikołajki, 2,5 km

RECORD

Vittorie pilota: 4 - Sobiesław Zasada
Vittorie costruttore: 9 - Ford
Podi pilota: 10 - Sobiesław Zasada
Podi costruttore: 31 - Ford
Presenze: 27 - Marek Ryndak
Vittorie prove speciali: 40 - Robert Droogmans

ALBO D'ORO

PROGRAMMA

Giovedì 29 giugno
8:00 Shakedown
19:08 PS1 Mikołajki 1

Venerdì 30 giugno
7:15 PS2 Chmielewo 1
9:00 PS3 Wieliczki 1
9:55 PS4 Świętajno 1
10:40 PS5 Stare Juchy 1
13:45 PS6 Chmielewo 2
15:30 PS7 Wieliczki 2
16:25 PS8 Świętajno 2
17:10 PS9 Stare Juchy 2
19:08 PS10 Mikołajki 2 - Fox Sports

Sabato 1 luglio
8:08 PS11 Baranowo 1 - Fox Sports
9:20 PS12 Pozezdrze 1
10:45 PS13 Gołdap 1
11:35 PS14 Kruklanki 1
14:08 PS15 Baranowo 2 - Fox Sports (15:30)
15:20 PS16 Pozezdrze 2
16:45 PS17 Gołdap 2
17:35 PS18 Kruklanki 2
19:30 PS19 Mikołajki 3

Domenica 2 luglio
8:10 PS20 Orzysz 1
9:08 PS21 Paprotki 1 - Fox Sports
10:45 PS22 Orzysz 2
12:18 PS23 Paprotki 2 (Power Stage) - Fox Sports


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.