WRC Montecarlo: Neuville sbatte, Ogier passa al comando

Grave errore per il belga nella PS13, l'ultima di giornata. Il campione del mondo vede il successo finale di 21 gennaio 2017, 16:39 333 visualizzazioni
WRC | Montecarlo: Neuville sbatte, Ogier passa al comando

La seconda giornata del Rally di Montecarlo si è chiusa col botto. Precisamente col botto di Thierry Neuville, sin qui dominatore assoluto della competizione, nella PS13 che andava a concludere il sabato monegasco con la ripetizione della prova di venerdì sera dominata dallo stesso belga della Hyundai. 

Fermatosi nei pressi del secondo rilevamento cronometrico a causa del danneggiamento della sospensione posteriore sinistra, Neuville ha perso 32 minuti dopo le riparazioni della sua i20, e con questi anche la leadership della classifica generale. Svanito l'ottimo lavoro compiuto nelle quattro prove mattutine, nelle quali il belga aveva recuperato sei secondi ad Ogier rispetto alla classifica di ieri pomeriggio. 

Regalo inaspettato per il quattro volte iridato, la cui rimonta dopo l'incidente di ieri mattina sembrava destinata a risolversi in un nulla di fatto. Il team M-Sport ha ora la possibilità di centrare una grande doppietta, grazie anche all'impressionante performance di Ott Tänak nonostante pesanti problemi al cambio in scalata. 47"1 separano il francese e l'estone con quattro prove speciali da disputare domani.

L'eroe di giornata guida anch'egli una Ford e risponde al nome di Elfyn Evans. Il britannico, gommato DMACK, si è portato a casa ben tre prove speciali nonostante il suo ruolo di apripista dovuto alla classifica di ieri. Sue entrambe le brevi prove di Faye, così come l'ultima di Bréziers. Questa giornata di grazia gli ha consentito anche di recuperare il sesto posto, anche se ora pare altamente improbabile che possa guadagnare altre piazze, a meno di errori altrui. Volti sereni in casa M-Sport, visto che la Fiesta è competitiva anche con le coperture anglo-cinese.

Ancora prudente Latvala, decisamente meno spettacolare del solito ma molto più concreto in un Rally in cui la costanza è fondamentale. Il finlandese, complice l'errore di Neuville, vede ora il podio nonostante un distacco di 2'20"6 dall'ex compagno di squadra Ogier. 

Continua a sorprendere Craig Breen, che è risalito al quarto posto della generale in virtù dei problemi al servosterzo riscontrati sulla Hyundai di Sordo. La DS3 è ancora una vettura valida e lo dimostra anche il distacco da Ogier, tutto sommato risicato per le differenze prestazionali annunciate alla vigilia tra le vecchie WRC e le nuove Plus.

Al di là della prova di forza dell'irlandese, è stata un'altra giornata grigia in casa Citroën e soprattutto per Kris Meeke, colpito da problemi all'iniezione durante la PS10. Senz'altro la C3 è la vettura che più necessita di revisioni per quanto concerne l'affidabilità, visti gli inconvenienti capitati anche a Stéphane Léfèbvre nel corso del weekend.

In classe WRC-2 procede per il meglio la cavalcata di Andreas Mikkelsen e della Škoda Fabia ufficiale. Il norvegese non ha tenuto il ritmo di ieri, vedendo ormai vicino il traguardo, ma il suo vantaggio è rimasto ugualmente importante: Ján Kopecký dista 3'19"2 dal compagno di squadra, mentre Bryan Bouffier è ad oltre cinque. Ha perso terreno invece Pontus Tidemand, ora decimo assoluto e ormai insidiato da Léfèbvre che potrebbe così portarsi a casa almeno una manciata di punti. Ancora settimo, tra i piloti che potranno prendere punti per la categoria, Andrea Crugnola.

In WRC-3 è sempre Raphaël Astier l'assoluto leader. Mantiene la seconda posizione Luca Panzani, pur distante di quasi dieci minuti, mentre per il podio è lotta tra le Renault ufficiali di Martin e Pernía, separate da poco più di un minuto. Con l'uscita di scena delle 124 Abarth di Andolfi e Delecour, in classe RGT ha vita facile Romain Dumas, al volante della sua Porsche 997.

Mancano solo quattro prove speciali al termine del Rally di Montecarlo. Si comincia alle 9:22 per concludere con la PS17, che scatterà alle 12:18 in diretta su SkySport Plus, con la scalata del Col de Turini.

Classifica:




Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.