WRC Messico: Meeke più forte del grande caldo

La Citroën comincia a volare, tutte le avversarie soffrono di 11 marzo 2017, 09:24
WRC | Messico: Meeke più forte del grande caldo

Il Rally del Messico prosegue il suo viaggio non senza difficoltà. Quello appena conclusosi è stato un venerdì di ritardi e di grande caldo, fattori che hanno complicato il lavoro dell'intero circus del WRC. Le prove speciali numero 2 e 3 sono state cancellate a causa di un incidente che ha rallentato la carovana delle vetture durante il trasferimento (circa 400 chilometri) da Città del MessicoLeón, quartiere centrale della corsa; molti concorrenti non sono arrivati al parco assistenza in un tempo congruo per preparare le vetture alle sette prove previste dalla prima tappa.

La PS4 di El Chocolate ha aperto così le ostilità. Lungo i quasi 55 chilometri della prova, tutte le vetture sono state messe a durissima prova dalle alte temperature sul percorso, che hanno provocato surriscaldamenti di ogni genere. L'unico a non avere accusato il minimo problema è il leader della gara, Kris Meeke. Finalmente, la Citroën C3 WRC ha mostrato la competitività attesa dai grandi capi del Double Chevron, peraltro in una circostanza molto difficile dove l'affidabilità era fondamentale. 

Stravincendo la PS4, Meeke ha conquistato buona parte dei suoi 20"9 di vantaggio su Sébastien Ogier. Rallentato, o più probabilmente spaventato, dalla spia del motore perennemente accesa e dalla temperatura dell'acqua molto elevata, Ogier ha corso con regolarità e senza forzare eccessivamente la sua Ford Fiesta, piazzandosi tra i primi in tutte le speciali pur rimanendo a secco di successi parziali.

Il terzo posto di Thierry Neuville è da considerarsi al limite del miracoloso. Le Hyundai i20 sono le vetture che hanno accusato maggiormente le temperature torride, i tre piloti si sono ritrovati spesso a viaggiare con il motore in protezione. Neuville, vincitore delle prove speciali 5 e 6, è staccato di quasi un minuto da Meeke, avendo perso più di metà del suo attuale distacco nella PS4. Più gravi i problemi accusati da Paddon e Sordo: il neozelandese ha perso quasi un minuto e mezzo nel solo chilometro della PS6, dopo una partenza convincente, scivolando in settima posizione; lo spagnolo si è fermato nel primo passaggio all'Autodromo di León (PS7), venendo poi autorizzato a ripartire per completare il secondo giro, attardato di ben dieci minuti.

Quarta posizione per la Toyota di Juho Hänninen, vincitore della prima prova spettacolo ma ora staccato di quasi un minuto e mezzo. Il finlandese ha avuto ragione, al momento, di Ott Tänak, che ha accusato gli stessi problemi di Ogier. Sesto Stéphane Léfèbvre, afflitto da problemi all'idroguida della sua Citroën nelle primissime prove speciali.

Dopo mille peripezie, il leader del mondiale Latvala ha concluso la prima giornata all'ottavo posto. Sin dalle primissime battute, il pilota della Toyota ha accusato forti surriscaldamenti di motore e differenziale, limitandosi a non combinare danni. Il ritardo è pesante, due minuti e mezzo, ma la Yaris #10 è arrivata (abbastanza) sana e salva al termine della PS8.

Tra gli assoluti protagonisti di questo rally si annovera anche Elfyn Evans. Nonostante i già esplicitati problemi delle Fiesta, il figlio d'arte ha conquistato la PS8 e può rimuginare tantissimo su quanto accaduto prima della superspeciale di giovedì sera: tolti i cinque minuti di penalità per la sostituzione del motore, Evans si troverebbe a poco più di un minuto e mezzo da Meeke nella generale. Anche la corsa di Lorenzo Bertelli è stata rallentata dalla scarsa affidabilità della sua Ford, ma per il piemontese rimangono gli ottimi piazzamenti conquistati nelle tre prove spettacolo di fine giornata.

Battaglia serrata tra le WRC-2, con Pontus Tidemand ancora leader ma in vantaggio di soli 35"4 su Éric Camilli. Terzo, nonostante un incidente nel quale ha danneggiato una ruota, Benito Guerra.

Nove prove speciali sono in programma per oggi, a partire dalle 15:33 italiane

Classifica:


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE