World Series by Renault: il punto della situazione

di 03 settembre 2013, 18:50
World Series by Renault: il punto della situazione

La nona stagione del campionato monomarca organizzato da Renault Sport Technologies si sta rivelando come il suo punto più alto dal punto di vista dei piloti e delle squadre impegnate in pista. Sei vincitori diversi in undici gare, dodici piloti si sono alternati sul podio, e tra questi molti sono già stati associati a squadre di Formula 1. Con tre appuntamenti alla conclusione, conosciamo i principali contendenti al titolo vinto l’anno scorso da Robin Frijns.

In testa alla classifica c’è un figlio d’arte, il danese Kevin Magnussen. Già in forza alla McLaren nei test di Silverstone, il pilota della DAMS ha conquistato due vittorie (otto podii in tutto) e ora comanda la generale con 163 punti.

Al suo inseguimento il velocissimo Stoffel Vandoorne: 21 anni, belga, vincitore l’anno scorso della Eurocup 2.0 ed attualmente pilota della Fortec Motorsport, ha ottenuto ben quattro vittorie e sei podii, ma si è rivelato più incostante rispetto al rivale danese, nonché particolarmente sfortunato nel corso dell’ultimo weekend, disputatosi al Red Bull-Ring, dove non ha portato a casa alcun punto. Il ritardo in classifica è di 27 punti, ma con 150 ancora da assegnare non si può certo escludere un suo recupero.

La rivelazione del campionato è sicuramente Will Stevens, 22enne inglese entrato da poco nel programma giovani della Caterham. Ha iniziato la stagione quasi da sconosciuto, neo acquisto della P1 Motorsport, ma ben presto si è dimostrato un pilota a cui prestare attenzione per gli anni a venire: subito un secondo posto ad Alcañiz, replicato a Spa, ed un terzo a Mosca, per un totale di 101 punti che lo hanno portato al terzo posto.

Subito alle spalle di Stevens troviamo Nigel Melker. Il pilota di Rotterdam, in forza alla Tech 1, si è dimostrato regolare nell’arco della stagione e, pur senza mai vincere, con quattro podii si ritrova ora quarto ad una sola lunghezza dal pilota che lo precede.

Sono ormai più che risicate le sue possibilità di vincere il campionato, ma António Félix da Costa è indubbiamente uno dei piloti più veloci del lotto, e potrebbe risultare l’ago della bilancia per la lotta al titolo. Con il posto in Toro Rosso per il 2013 praticamente conquistato, dato il passaggio di Ricciardo alla Red Bull, da Costa si è presentato ai nastri di partenza della stagione con il ruolo di favorito, ma ben presto si è dovuto arrendere alla sfortuna: problema alla sospensione a Monza mentre rimontava su Vandoorne, retrocessione a fondo griglia ad Alcañiz perché rimasto senza benzina a fine qualifica, incidente con Laine a Mosca e problema elettrico ancora prima del via al Red Bull-Ring. Ruolino di marcia che stenderebbe un elefante, ed effettivamente il portoghese della Arden sembra avere ceduto le armi, per questo 2013, e sicuramente ora punterà più che mai ad ottenere vittorie a ripetizione, almeno per riconquistare il terzo posto che dista appena sei punti.

In crescita è sicuramente anche l’altro danese, pilota del team Lotus Charouz, Marco Sørensen, reduce da una perentoria doppietta in terra austriaca, mentre in calo è apparso lo svizzero Nico Müller (dell’italiana Draco Racing), dopo l’esaltante vittoria di Montecarlo. Tra i piloti che ancora non hanno conquistato un successo c’è l’attesissimo Sergey Sirotkin, 18enne russo che con l’arrivo dei russi alla Sauber ha già trovato un posto sicuro per l’accesso alla categoria principale: ancora sei tentativi a disposizione per il ragazzino della ISR, che sicuramente non si farà sfuggire l’occasione, quando questa si presenterà. In conclusione, anche William Buller (Zeta Corse) e Norman Nato (DAMS) hanno dimostrato grandi doti, ma ancora risultano incostanti nelle prestazioni: soprattutto il secondo, compagno di squadra di Magnussen, potrebbe risultare decisivo nelle ultime gare.

L’appuntamento è per il weekend del 14 e 15 settembre, sul circuito dell’Hungaroring.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.