WEC Shanghai: Porsche domina nelle libere

di 30 ottobre 2015, 16:30
WEC | Shanghai: Porsche domina nelle libere

Il penultimo appuntamento del WEC si disputa questo weekend in Cina, con la 6 Ore di Shanghai. Un solo punto separa in classifica generale la Porsche di Bernhard, Hartley e Webber dall'Audi di Fässler, Lotterer e Tréluyer, con due gare ancora da disputare; la Casa di Weissach, intanto, si gioca il primo match ball per vincere la classifica costruttori tra i prototipi. Prosegue anche l'attacco della Ferrari a Richard Lietz nella classifica dei piloti GT, con Calado e Rigon separati di sette punti dall'austriaco e soprattutto Bruni e Vilander molto carichi dopo il successo nell'ultima prova, in Giappone.

Nelle prove libere è stata proprio la Porsche a sbaragliare la concorrenza, con Mark Webber che ha già stracciato il record della pista nella seconda sessione, in 1:45.111, quasi due secondi meglio della pole position di Neel Jani dell'anno scorso. La seconda 919 Hybrid si è piazzata ad un paio di decimi dalla vettura gemella, con il miglior crono registrato proprio dallo svizzero ex-recordman del circuito cinese.

Audi di nuovo in rincorsa, con l'equipaggio Fässler/Lotterer/Tréluyer staccato di poco meno di sei decimi con il miglior tempo che era valso la prima posizione nella sessione mattutina. Poco staccata, l'altra R18 con Oliver Jarvis più veloce dei due compagni di squadra. Le vetture di Ingolstadt, nonostante paghino sul giro secco, sembrano comunque difendersi molto bene sul passo di gara.

Il team KCMG, che quasi gioca in casa essendo di Hong Kong, primeggia tra le LMP2 grazie all'eccezionale crono (se pensiamo che è risultato essere appena un paio di decimi più lento della pole del 2014) di uno dei tre vincitori assoluti della 24 Ore di Le Mans, Nick Tandy. Al secondo posto si è piazzata l'Alpine con Tom Dillmann, che in questa gara rimpiazza Vincent Capillaire, subito in evidenza. In grande difficoltà l'equipaggio leader della classifica generale, quello della Ligier G-Drive #26, solo sesto.

Ferrari domina la categoria riservata alle GT, con James Calado che ha registrato il nuovo record sulla #71, tempo di 2:03.028. A ben nove decimi di distacco, l'altra 458 della AF Corse pilotata da Bruni/Vilander che ha preceduto di pochi millesimi l'Aston Martin di MacDowall/Rees/Stanaway. Da segnalare, tra i professionisti, l'assenza della Vantage #95 per motivi di sponsor, scoraggiati dagli scarsi risultati ottenuti dalle vetture britanniche in questo 2015. Quasi un secondo di distacco per la prima delle Porsche 911, quella di Makowiecki/Pilet, che ha preceduto la gemella di Christensen/Lietz.

Anche tra gli amatori è Maranello a dettare legge con l'esemplare gestito dal team SMP, che già comanda la classifica generale e qui ha la prima possibilità di chiudere anticipatamente la partita. Miglior tempo segnato però, a sorpresa, da Viktor Shaitar che ha girato più forte anche di Andrea Bertolini. Seconda è la Corvette Larbre, ad appena 67 millesimi di ritardo, pilotata al vertice da Paolo Ruberti, mentre terza si è classificata la Porsche del team Dempsey.

Nella notte italiana si svolgerà la terza sessione di prove libere, mentre le qualifiche andranno in scena domattina a partire dalle 6:30.

Classifica aggregata:

shanghaifp

Immagine copertina: fiawec.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.