WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA

Abolizione del titolo costruttori LMP1, pit stop più veloci e nuovo sistema di punteggio di 07 dicembre 2017, 10:42
WEC | Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA

Il Consiglio Mondiale FIA tenutosi ieri a Parigi si è soffermato anche su questioni relative il WEC, che si appresta ad affrontare la sua prima "superseason" tra il 2018 e il 2019. Tre punti fondamentali sono stati rivisti per quanto riguarda il mondiale endurance, che come noto rimarrà tuttavia intatto per quanto riguarda i regolamenti tecnici.

Il primo snodo fondamentale riguarda la categoria LMP1, che dall'anno prossimo punterà fortemente sui team privati e sui progetti dei piccoli costruttori. La FIA ha confermato che tra LMP1 ibride e non-ibride non ci sarà alcuna distinzione di categoria e che si cercherà di equiparare il più possibile le prestazioni tra i non-ibridi aspirati e turbo. Essendo rimasto un solo costruttore ufficiale, Toyota, il campionato marche è stato abolito in favore di un titolo squadre per il quale concorreranno sia i team ufficiali che quelli privati, sommando i punti ottenuti dalle vetture meglio classificate in ogni gara. L'ACO ha stabilito nuovamente le tre priorità riguardanti il WEC: attirare nuovi costruttori e nuovi team privati, controllare i budget e mantenere alto il livello tecnologico della categoria. I costruttori entranti in forma ufficiale saranno obbligati a costruire un prototipo ibrido ma potranno anche fornire propulsori non-ibridi alle scuderie private e persino "sponsorizzarle", seguendo certe condizioni (non ancora specificate). L'attuale regolamento tecnico della LMP1 rimarrà in vigore fino alla 24h di Le Mans 2021 e nella stagione 2020-2021 si combinerà a quello nuovo in fase di progettazione. Ridotta anche la tassa di iscrizione per una vettura LMP1, da 350.000 a 310.000€.

A partire dalla prossima stagione verrà stravolta anche una regola riguardante i pit stop: le soste infatti saranno rese più immediate, permettendo ai meccanici di sostituire le gomme mentre il rifornimento è in corso, pratica vietatissima sin dalla prima stagione del WEC. Il tempo speso dalle vetture in pit lane sarà dunque notevolmente ridotto e questo avrà un forte impatto sulla strategia di gara.

L'ultimo cambiamento concerne il sistema di punteggio. Le gare sulla durata di 6 ore manterranno il punteggio attuale, ossia quello ufficiale FIA, mentre la nuova 1500 miglia di Sebring e la 24h di Le Mans ne assegneranno di più: la corsa americana darà il 25% di punti in più rispetto al punteggio attuale, mentre la kermesse della Sarthe ne assegnerà il 50% in più invece del doppio (quindi 38 punti al vincitore).

Confermato, infine, il calendario già annunciato nello scorso mese di settembre con inizio a Spa-Francorchamps il 5 maggio 2018 e termine con l'edizione 2019 della 24h di Le Mans.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.