Andrea Ettori

CAMONJENSON Una "Force" risparmiando

Quando i risultati arrivano spendendo meno di tutti di 04 gennaio 2017, 21:00 178 visualizzazioni
Una "Force" risparmiando

Guardando la classifica delle presunte spese dei team di Formula 1 che potete trovare in questo link, il primo dato che da subito mi ha colpito è quello della Force India.

Il team indiano ha concluso il mondiale al 4° posto assoluto, il risultato migliore da quando è entrata in Formula 1 nel lontano 2007. È incredibile come questa squadra, che ha "speso" molto meno di tutti gli altri team, sia riuscita ad ottenere dei risultati incredibili. Di solito in questo sport vince chi ha la possibilità di spendere di più in ricerca e sviluppo rispetto agli avversari, ma la Force India è la dimostrazione che con un progetto serio e ben strutturato i risultati arrivano comunque.

Partiamo dall'inverno del 2015 quando, dopo le note vicende del suo proprietario Vijay Mallya, ricercato tutt'ora da "mezzo mondo", sembrava che il team non riuscisse nemmeno a presentarsi a Melbourne per la prima gara stagionale. Pochi km effettuati e uno sviluppo praticamente pari a zero erano le prospettive di quella stagione.

Nella prima gara ricordo Perez lottare con la disastrosa e depotenziata Mclaren-Honda Mp4-30 di Jenson Button, mentre Hulkenberg concluse la gara al 7°posto. Ma se la Mclaren nonostante un budget superiore e il supporto di Honda è rimasta praticamente ferma, la Force India ha iniziato una progressione fantastica grazie anche ai suoi piloti, Nico Hulkenberg e Sergio Perez.

Il podio del messicano a Sochi e la costanza di rendimento del suo compagno di squadra permisero al team di chiudere una stagione che doveva essere da "fallimento" ad un incredibile 5°posto. Un vero miracolo sportivo che sembrava irripetibile ma che nell'ultima stagione la squadra indiana ha saputo addirittura migliorare. 2 podi e una regolarità incredibile in zona punti hanno permesso alla Force India di vincere il "mondiale degli altri" dietro ai 3 top team del campionato.

Un esempio che altri team ben più blasonati potrebbero prendere, in una F1 che nonostante le belle parole e i vari tentativi inutili di limitarli, vede l'aumento dei costi sempre alzarsi.

Ora per la Force India, che grazie a questo risultato nel mondiale costruttori riceverà un bonus vitale per continuare a sopravvivere, la sfida si fa più dura con i nuovi regolamenti previsti per il 2017.




Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.