Svelata la Sauber C32: sarà ancora l'outsider?

di 02 febbraio 2013, 18:39
Svelata la Sauber C32: sarà ancora l'outsider?

Con una rapida presentazione sul canale ufficiale Youtube, la Sauber ha presentato questa mattina dal quartier generale di Hinwil (Svizzera) la sua nuova monoposto per la stagione 2013.

La C32 è una vettura importante, perchè segna il ventennale della partecipazione della Scuderia di Peter Sauber in F1. Era infatti il 1993 quando il team debuttò nel Gp del Sud Africa a Kyalami (vinse Alain Prost, sarebbe poi diventato Campione con la super Williams).

Sono passati 20 anni e la Sauber è ancora qui, assieme alle storiche squadre del Mondiale. Sempre con una presenza discreta e la capacità di lanciare giovani piloti che diventano poi protagonisti del mondo della F1. Penso a Kimi Raikkonen, Felipe Massa, Robert Kubica e ora Sergio Perez, nuovo alfiere in Mclaren.

Il 2013 è all'insegna del cambiamento. Nuova la livrea della nuova C32, completamente grigia scura con alcune linee bianche e rosse che accompagnano le fiancate. Livrea che ricorda, vagamente, quella della prima HRT, stagione 2010. Nella speranza, ovviamente, di ottenere risultati migliori. Ma non sarà un problema, immagino.

Ma soprattutto, tutta nuova la coppia di piloti che la porteranno in pista. Nico Hulkenberg, in arrivo dalla Force India, e Esteban Gutierrez, di provenienza GP2. Al posto appunto di Sergio Perez, accasato a Woking, e di Kamui Kobayashi. Che nonostante la movimentazione dei suoi fan in Giappone non è riuscito a trovare un nuovo sedile per questa stagione. Ed è un vero peccato, a dimostrazione ancora una volta che purtroppo il talento non basta per arrivare in alto. Basti pensare che Davide Valsecchi, vincitore del campionato di GP2, sarà solo terzo pilota in Lotus, mentre i vari Gutierrez (appunto), Chilton, Van Der Garde, Razia saranno titolari in altre squadre.

Tornando alla nuova C32, abbiamo la terza interpretazione del Vanity Panel, dopo quella Lotus ("meglio non usarlo per risparmiare peso") e quella di Mclaren, Ferrari e Force India che ne hanno fatto uso intensivo.

La Sauber si pone come una via di mezzo tra queste soluzioni, adottandone una che accontenta sia i favorevoli che i contrari.

Come potete vedere, lateralmente lo scalino non è visibile, tant'è che dalle prima immagini la Sauber pareva avesse seguito la linea intrapresa da Mclaren, Mercedes e Force India. Vista frontalmente, invece, ecco che lo scalino compare. Il Vanity Panel è stato utilizzato unicamente per raccordare l'altezza della scocca con il muso ai lati dello stesso. C'è da capire se questa opzione ha anche un risvolto aerodinamico.

Per il resto, la Sauber C32 è un'evoluzione dell'ottima vettura del 2012, che ha ottenuto anche dei podi sia con Perez che con Kobayashi. Affinata la zona degli scarichi ad effetto coanda, portato in pista per la prima volta proprio dalla Sauber l'anno passato. Fiancate simili nelle forme ma un po' più snelle. Sviluppata la zona inferiore del cofano motore che pare voler 'portare' aria verso il retrotreno e quella dei piloni ai lati delle pance. Anche qui profili alari del 2012, come da prassi evidentemente.

Quello che sarà davvero da valutare sarà la nuova coppia di piloti. Hulkenberg è alla sua terza stagione, Gutierrez debutta quest'anno. Avere piloti giovani non è mai stato, comunque, un problema per Peter Sauber, che ha avuto sempre il pregio di scoprire talenti ed ottenere anche ottimi risultati pur senza il budget delle grandi case. Un esempio di efficienza, impegno e correttezza della quale la F1 deve essere orgogliosa.

Un augurio, a loro, di un ottimo 2013.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

2 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. lucaruocco
    #1 lucaruocco 2 febbraio, 2013, 19:49

    A guardarla bene, non sembra anche a voi che un terzo circa della carrozzeria, da dopo le pance, sia di un grigio più scuro, precisamente carbonio non verniciato. Questo è normale nella zona scarichi, ma anche in alto non l'avevo mai visto... Sempre per perdere peso??

Solo gli utenti registrati possono commentare.