SBK Gara-1 sospesa a 6 giri dalla fine, vittoria schiacciante di Davies a Imola

L’incidente di Laverty e Lowes fa terminare tutto con la bandiera rossa di 13 maggio 2017, 14:27
SBK | Gara-1 sospesa a 6 giri dalla fine, vittoria schiacciante di Davies a Imola

È durata meno del previsto la prima manche del quinto round del Mondiale Superbike, ma il risultato è stato schiacciante comunque. Il vincitore è stato Chaz Davies che ha completato un vero e proprio grand chelem andando a vincere dalla pole, col giro veloce e comandando dalla prima curva all’ultima.

La gara, prevista per 18 giri, si è accorciata di 6 dopo un contatto durissimo alla discesa verso la Rivazza tra Lowes e Laverty. Per fortuna è stato un incidente solo spettacolare per le fiamme, niente danni per i piloti. Sul podio si sono uniti al gallese il capoclassifica Jonathan Rea e il #33 Marco Melandri, davanti al numeroso pubblico dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Il punteggio assegnato è stato totale.

Il semaforo verde di gara-1 ha visto la partenza a razzo delle Panigale ufficiali di Davies dalla pole e di Melandri dalla seconda fila. Le prime due varianti non hanno visto contatti o scivolate per fortuna, mentre il quartetto di testa ha cominciato subito a mettere dello spazio tra sé e gli inseguitori. Il primo giro da fermo di Chaz è stato di 1:47.0.

Mentre Davies salutava la compagnia, il Porcospino ha messo in piedi un ritmo notevole rispetto ai turni di prove. C’era comunque ben poco da fare per l’italiano e per le Ninja di Rea e Sykes: il ritmo di Davies oggi era di almeno un secondo più veloce rispetto a tutti quanti. Al quarto giro Rea ha rotto gli indugi sul ravennate, passandolo alla Variante Alta e portandosi in piazza d’onore. Più indietro proseguiva la battaglia Laverty-Forés mentre si ritiravano Mercado (caduta) e Hayden (rottura).

Mentre le posizioni davanti si cristallizzavano (eccezion fatta per un duello a elastico tra Melandri e Sykes), più indietro l’Aprilia del team Milwaukee di Laverty ha cominciato a risentire parecchio sulle gomme ed è stata così attaccata sia dalla MV Agusta di Camier sia dalle Yamaha R1. La situazione difficile della casa di Noale a Imola è testimoniata anche dal risultato finale di Lorenzo Savadori, oltre i primi dieci.

A sei giri dalla finela ciliegina sulla torta di guai per Laverty: dopo un ingresso troppo largo e aggressivo di Alex Lowes alla discesa verso la Rivazza, la RSV4 ha perso il parafango, mentre Eugene ha perso totalmente il controllo e per evitare di farsi male si è dovuto letteralmente buttare dalla moto, che si è andata a schiantare a piena velocità sul muro, facendo fuoco e fiamme. La gara è stata così sospesa e la classifica valida è rimasta quella del giro precedente.

Davies ha così vinto dominando gara-1, con 6.6 secondi di vantaggio sull’acerrimo rivale Rea e quasi 10 su Melandri e Sykes, più scialbo del previsto. L’ultimo dei primi 5 è stato Xavi Forés, di fronte a un ottimo Camier; a seguire Van Der Mark, Lowes (sotto inchiesta per il contatto), Ramos e Bradl. Non classificato l’irlandese dell’Aprilia, Laverty.

Nella classifica piloti Rea guadagna altro terreno sul primo inseguitore Sykes, che oggi ha perso 12 punti su Davies: i tre inglesi sono rispettivamente a 215, 144 e 136 punti, mentre Melandri sfonda il traguardo dei 100 punti (113). Nella classifica costruttori la Kawasaki è a 215 (tutti punti di Rea), mentre la Ducati è a 176 con la solita Yamaha terza ancora sotto i 100 punti, a 96.

La manche di domani potrebbe regalare alla casa di Borgo Panigale la seconda doppietta consecutiva a Imola, per merito di Davies. Non ci resta che aspettare.

Fonte immagine: oasport.it


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE