Alessandro Secchi

SEVEN Se il rosa è shocking per i punti...

La Force India stupisce tutti, il colore è la minore motivazione di 14 maggio 2017, 19:00 1568 visualizzazioni
Se il rosa è shocking per i punti...

Quando l'hanno presentata con la sua livrea definitiva rosa shocking, in onore dello sponsor austriaco BWT, non nego di aver storto un po' il naso così come successo un po' in tutto il mondo mediatico del motorsport. 

Ovvio che si tratti unicamente di un dettaglio cromatico che nulla ha a che fare con i risultati in pista, ma sicuramente la Force India ha fatto parlare di sè ad inizio stagione per questa novità. Quello che gli stessi indiani non avrebbero previsto e forse lo stesso vale per noi, è che dopo cinque appuntamenti sarebbero stati l'unico team sempre a punti con entrambi i piloti. Sergio Perez ed Esteban Ocon, infatti, anche in Spagna hanno concluso la gara nei primi dieci con un risultato fantastico: quarto il messicano, quinto il francese, il che significa un bottino di ben 22 punti in classifica costruttori per un totale di 53.

Dopo aver conquistato con merito il quarto posto in campionato nel 2016 la compagine in rosa non accenna a fermarsi e, anzi, migliora i risultati dello scorso anno, quando a questo punto della stagione i punti in cascina nella classifica costruttori erano solo 12. Merito di due piloti in formissima. Perez è concreto da tempo e forse, ora, sarebbe davvero il momento per il ritorno in un team dalle ambizioni più ampie. Ocon, alla sua prima stagione in un team di fascia, possiamo dirlo, medio-alta, si sta dimostrando un gran bel manico.

Risultati spaziali, insomma, da far quasi invidia. Il tutto con un budget ridicolo se paragonato ai top team e anche ai diretti competitors. Nella scorsa stagione i fondi a disposizione della Force India erano superiori solo a quelli della Manor, che sappiamo com'è poi finita. Il tutto poi con un team principal, Vj Mallya, che lancia ologrammi in giro per il mondo per distrarre le autorità del suo paese dai suoi ingenti (per essere eufemistici) debiti.

Quando si parla di riduzione dei costi e di tante altre belle idee bisognerebbe prendere in esame il caso della Force India, che riesce a sfruttare a dovere le poche risorse a disposizione facendo marameo a team come Williams, Renault, Mclaren. Ci sarebbe solo da imparare. 

Bravi tutti, insomma. Nonostante il rosa.