NASCAR Truex impeccabile, vince in rimonta a Charlotte!

Tutti sbagliano tranne il team #78 che trionfa e avanza al round successivo. Kyle Busch a muro di 09 ottobre 2017, 09:31
NASCAR | Truex impeccabile, vince in rimonta a Charlotte!

Quello di Charlotte è stato un weekend complicato per la Nascar: il passaggio del fronte che anticipava l'uragano Nate ha ostacolato il normale svolgimento del programma previsto soprattutto nella giornata di sabato. Una pioggia leggera ma costante ha portato alla cancellazione di ben due sessioni di libere della Cup Series, le uniche dedicate al passo gara, dato che in quelle del venerdì i team si erano concentrati sulle simulazioni di qualifica. Nonostante tutto questo, ha vinto per la sesta volta in stagione Martin Truex Jr.

La gara

Charlotte si sveglia sotto un cielo meno grigio del previsto e la gara parte regolarmente alle 19:00, in anticipo di un'ora rispetto al programma originario proprio per cercare di arrivare almeno alla fine della seconda stage per dichiarare la gara ufficiale. Alla fine la corsa non viene disturbata dalla pioggia e il piano funziona.

Dalla pole parte Denny Hamlin con al suo fianco Matt Kenseth. Per un caso più unico che raro in prima fila non ci sono né Kyle Busch, quarto, né Martin Truex Jr., addirittura 17°. Hamlin mantiene facilmente il comando per i primi 35 giri fino alla "competition caution", obbligatoria in caso di pioggia fra qualifiche e gara; qui Larson manca il suo stallo in pit lane ed è costretto a rimandare la sosta di un giro, ripartendo addirittura in 31a posizione.

Alla ripartenza Chase Elliott passa in testa ma pochi giri dopo Ryan Newman stringe a muro Clint Bowyer: nell'impatto contro il muro la Chevy di Newman va a fuoco ma l'estintore di bordo si attiva subito e il pilota della #31 esce incolume dalla sua vettura. Alla successiva bandiera verde passa in testa Kevin Harvick, che allunga sugli altri e va a vincere la prima stage: è il primo successo parziale per lui dopo Atlanta, seconda gara stagionale. Da notare la rimonta di Larson, 4° dopo 27 sorpassi in 52 giri, e Truex soltanto 12°, senza grip e per la prima volta a secco nella prima stage dopo 12 gare consecutive.

Dai box emerge in testa McMurray, ma la sua permanenza in prima posizione dura pochi metri dato che Kyle Busch si porta al comando della gara. Non passano neanche 20 giri che McDowell finisce in testacoda e - alla ripartenza - Harvick torna in testa. Altri 20 giri e arriva il primo colpo di scena: Kyle Busch, in quel momento in seconda posizione, va a muro in curva 3 replicando l'incidente delle libere del venerdì. Per lui è solo l'inizio di una gara travagliata che lo vedrà chiudere 29° e disteso sull'erba intossicato dal monossido di carbonio proveniente dagli scarichi, evidentemente danneggiati nel contatto contro le barriere. Dopo un passaggio dal centro medico, viene dimesso meno di un'ora dopo la fine della gara.

Gli ultimi 40 giri della seconda stage vedono Harvick sempre in testa, mentre Truex pian piano recupera posizioni e conclude il traguardo intermedio in quarta posizione. La stage finale inizia con il pilota della #4 sempre al comando, con dietro Truex e Larson che cercano di mantenere il contatto. Tuttavia, dopo numerose soste ai box, quasi tutti hanno capito qual è il set-up ideale per la propria vettura e Truex torna assoluto protagonista; il sorpasso arriva in corsia box a poco più di 100 giri dalla fine durante il primo - e unico - giro di soste in regime di green flag.

Pochi giri dopo Larson prende il testimone da Harvick nel ruolo di avversario di Truex e dopo la caution per l'incidente fra David Ragan e Danica Patrick passa addirittura in testa. Per lui l'illusione dura appena 10 giri: Kyle Busch finisce di nuovo a muro e nella sosta conseguente un meccanico di Larson scivola perdendo secondi preziosi; arretrato in 12a posizione, chiude 10° dopo un contatto nel finale di gara. Sosta pessima anche per Jimmie Johnson, che dalla top5 scivola 16° per una ruota malfissata a cui il team rimedia fuori dal proprio stallo, evitando però una penalizzazione che - a prima vista - sembrava scontata.

Truex si vede regalata così la prima posizione, ma gli rimane un ultimo avversario da battere: Harvick riesce ad attaccare Truex solo una volta negli ultimi 70 giri, tuttavia lo spunto decisivo non arriva e il pilota dello Stewart-Haas viene letteralmente rimbalzato indietro. Fra Truex e la vittoria si mette solo Kyle Busch, che finisce a muro per la terza volta a 7 giri dalla fine. A differenza di Richmond sia la sosta, sia la ripartenza vanno alla perfezione, anzi Harvick è vittima di un brutto pit stop ed è relegato in sesta posizione.

Truex è talmente superiore che neanche nell'overtime (caution per Kurt Busch in testacoda) qualcuno riesce a stargli dietro. Per il pilota della #78 è la sesta vittoria stagionale, la quinta sugli ovali da 1.5 miglia, e arriva anche l'automatica qualificazione al round successivo dei playoff. Dietro a Truex chiudono Elliott, Harvick, Hamlin e McMurray; nella top10 anche Suarez, Johnson, Blaney, Kahne e Larson.

Le altre categorie

Nella gara della Xfinity Series, prima vittoria in carriera per Alex Bowman, sostituto dal 2018 in Cup Series di Dale Earnhardt Jr.. Per il pilota del team Hendrick è stata la prima gara stagionale dopo mesi passati al simulatore, tant'è che "Mr.H", per togliergli un po' di ruggine, lo ha concesso in prestito per due gare a Chip Ganassi. La gara è partita nel cuore della notte dopo che la pioggia aveva ritardato la partenza di oltre 5 ore. Dietro a Bowman ha concluso Hornish, partito addirittura 31° dopo la cancellazione delle qualifiche. Alla fine gli 8 piloti che avanzati al round successivo dei playoff sono rimasti gli stessi che si trovavano nelle posizioni buone prima del via, ma la gara è stata lo stesso movimentata: Allgaier ha rotto il motore, Byron è stato vittima di una penalità, Tifft ha dovuto fare una sosta supplementare e nel post-gara la sua vettura è risultata irregolare (e nonostante la penalizzazione di 10 punti che arriverà in settimana il suo posto nella top8 non è in pericolo) e Reed ha eliminato Gaughan per un solo punto.

I risultati odierni

La classifica della "Bank of America 500"

La classifica generale

Questa la classifica dopo la prima gara del "Round of 12":

Qui invece la classifica dal 13° posto in poi.

I prossimi appuntamenti

Nel prossimo weekend la Nascar sarà in pista sul superspeedway di Talladega, dove sabato per la Truck Series ci sarà la prima "Elimination Race"; domenica invece, come al solito, la gara della Cup Series. La Xfinity Series tornerà in Kansas fra due settimane per l'inizio del secondo round dei playoff.

Immagine: Nascar.com/Getty Images


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.