MOTOMONDIALE GP Italia 2017 - Anteprima

Si arriva al Mugello con tanti dubbi riguardanti la partecipazione di Valentino Rossi di 01 giugno 2017, 11:03 181 visualizzazioni
Motomondiale | GP Italia 2017 - Anteprima

Anche per quest'anno, la festa italiana del Motomondiale è alle porte. Chiamare semplicemente "Gran Premio" il weekend di gara sul tracciato del Mugello è riduttivo, poiché il calore del pubblico italiano che segue (seppure con civiltà non equamente distribuita) questo grande evento è tale far paragonare il Gran Premio d'Italia ad un'autentica festa nazionale. E quest'anno, coincidenza, il fine settimana di gara segue immediatamente proprio il 2 giugno.

Tuttavia il Mugello, quest'anno, rischia di perdere ancora prima di cominciare quello che è il protagonista (inutile girarci attorno) più atteso dalla maggior parte del pubblico, quel Valentino Rossi che si sta rimettendo dopo l'incidente con la moto da cross a Cavallara e sembra ancora in forte dubbio per la corsa, poiché il trauma toracico e quello addominale subiti nell'incidente si fanno tuttora sentire. La notizia ufficiale è che Rossi parteciperà alla FP1 e poi valuterà se proseguire o meno. 

Un autentico peccato, perché il Mugello sarebbe l'occasione migliore per riscattare il pesante tonfo di Le Mans, con una caduta a quattro curve dalla fine frutto di un'inusuale scarsa lucidità nel momento più importante della corsa. Dopo un'eccezionale rimonta, Rossi si era preso la prima posizione ai danni di Viñales e si stava involando verso il primo successo stagionale. Quello che è accaduto successivamente ha invece rovesciato le sorti del weekend francese e pure del campionato, visto che ora Viñales è di nuovo in fuga con 85 punti contro i 62 del pesarese, scivolato (è il caso di dirlo) terzo.

Il primo inseguitore del nuovo acquisto Yamaha in classifica è Daniel Pedrosa, che sta proseguendo nel suo eccezionale periodo di forma e, con il podio regalatogli da Rossi a Le Mans, si è ritrovato secondo nella generale a 17 lunghezze dal capoclassifica. Pedrosa si accinge tuttavia ad affrontare una delle piste che meno lo ha visto protagonista nella classe regina, visti i "soli" (in confronto alle sue statistiche su altri tracciati) cinque podi dal 2006 ad oggi. 

Il pilota di Sabadell si è ritrovato addirittura davanti a Marc Márquez in classifica generale, cosa accaduta prima d'ora solo in quattro occasioni nel 2013. Per Márquez è il peggior inizio di stagione dal suo debutto in MotoGP con due podi, altrettante cadute e 58 punti raccolti in cinque gare: un passivo di 27 punti da Viñales ovviamente non irrecuperabile, visto il clima di incertezza che regna nella categoria principale, ma con la consapevolezza di non dover sbagliare più un colpo e di doversi davvero accontentare di un piazzamento quando la Honda mostrerà di nuovo i suoi limiti.

Protagonista attesa del weekend è anche la Ducati, con Jorge Lorenzo che cercherà di replicare la grandiosa vittoria in volata dell'anno scorso, rimediando ad un Gran Premio di Francia davvero nero. Il sesto posto di Le Mans, a 13 secondi dal compagno di squadra Dovizioso, è un altro risultato che certamente non rispecchia il valore del maiorchino, atteso (molto più degli anni scorsi, per ovvie ragioni...) dal pubblico italiano a replicare almeno il podio di Jerez se non addirittura meglio, visto che l'unico successo targato Borgo Panigale in MotoGP risale al 2009 con il solito Stoner sulla pista umida. Attenzione immutata anche per Dovizioso, unico pilota a ricavare sempre il massimo dalla GP17 e anch'egli in corsa per un risultato importante.

Dopo avere riportato il suo Paese sul podio casalingo della classe regina, Johann Zarco si è candidato definitivamente come outsider di lusso della stagione. Il due volte iridato Moto2 è stato protagonista di un weekend celestiale in riva alla Sarthe, su una Yamaha M1 2016 che rappresenta lo stato dell'arte nel motorsport a due ruote e, nelle mani del transalpino, è ancora perfettamente in grado di giocarsi podi e forse anche qualche vittoria.

Se la MotoGP ha affidato a Zarco quel ruolo che l'anno passato poteva essere di un Viñales, ha anche tuttavia perso un protagonista in positivo e in negativo delle ultime due stagioni. Il periodo molto difficile che sta attraversando Andrea Iannone sulla Suzuki potrebbe inficiare anche il suo weekend casalingo, nel quale però l'abruzzese cercherà di trovare uno spunto in più proprio da una pista che adora. I soli 15 punti racimolati in cinque gare sono frutto di diverse disattenzioni ma anche di un feeling con la nuova moto che tarda (molto) ad arrivare. Dall'altra parte del box di Hamamatsu ci sarà di nuovo Sylvain Guintoli, arrivato a punti in Francia e ora di nuovo in sella al posto dell'infortunato Rins, il quale dovrebbe rientrare tra due gare ad Assen.

Ultimo, ma non ultimo, motivo di interesse è rappresentato dal ritorno della gomma anteriore Michelin "70", che Dorna ha anticipato al Mugello dopo una votazione tra i piloti successiva ai test di Jerez. Si era già deciso, tuttavia, di riportarla ugualmente in auge da Barcellona, come detto recentemente da Daniel Pedrosa: il catalano ha svelato che la suddetta votazione riguardava l'utilizzo della "70" oppure di un esemplare più morbido della "06" dapprima in uso, il quale sarebbe stato di difficile utilizzo con le temperature previste al Mugello. Si spera, anche per motivi di ordine nel Circus a due ruote, che questo abbia posto fine agli atteggiamenti piuttosto ambigui mostrati ripetutamente dal fornitore di pneumatici francese.

Tornato alla vittoria in Francia dopo lo zero di Jerez, Franco Morbidelli andrà in caccia al Mugello del quinto successo in sei gare per quanto riguarda la Moto2. Forte di venti lunghezze di vantaggio su Thomas Lüthi, l'inizio di stagione di Morbidelli è stato folgorante ma la strada verso il titolo è ancora lunghissima. L'Italia, ovviamente, si attende un altro duello tra il capoclassifica e Francesco Bagnaia, i quali hanno occupato i primi due gradini del podio a Le Mans ma senza "spargimenti di sangue", senza una componente di corpo a corpo. Oltre a Morbidelli e Bagnaia, in grado di giocarsi un podio nella classe di mezzo ci sono altri quattro italiani: Pasini, ancora in caccia della prima top 3 in Moto2, un Baldassarri finora al di sotto delle aspettative, l'esperto Corsi e il giovane Marini

Il "mucchio selvaggio" della Moto3 si prepara invece a vivere una delle gare più combattute della stagione, dal momento che sui saliscendi e sui lunghi rettifili del Mugello sono sempre almeno una decina di piloti a giocarsi i 25 punti alla domenica. Dopo la vittoria di Le Mans, Joan Mir ha aumentato a 34 i suoi punti di vantaggio su Romano Fenati, scivolato mentre si trovava al comando, ma il marchigiano si è già imposto qui nel 2014 e ha conquistato un totale di tre podi. Fenati è stato l'unico azzurro ad imporsi al Mugello dal 2009 ad oggi, nonostante di italiani in grado di vincere nel Gran Premio di casa ce ne siano stati una moltitudine. La situazione non è cambiata: oltre a Fenati il "menu" propone di Giannantonio, beffato un anno fa dal solo Brad Binder, un Bastianini in ripresa, Bulega che dovrà dimenticare la forte botta subita in Francia nel trambusto iniziale, un Antonelli già messo sulla graticola da Aki Ajo e Andrea Migno. Alla pattuglia italiana risponde quella spagnola, con CanetMartín ma anche con GuevaraRamírez oltre al leader del mondiale, ma anche lo scozzese McPhee e il veloce sudafricano Darryn Binder.

Per la prima volta nel 2017, in occasione del Gran Premio d'Italia le qualifiche e le gare saranno trasmesse in diretta anche da TV8.

Gran Premio d'Italia Oakley 2017 - Autodromo Internazionale del Mugello
Round 6/18
2-4 giugno 2017

INFO CIRCUITO

Lunghezza del circuito: 5,245 km
Giri da percorrere: 23 (MotoGP), 21 (Moto2), 20 (Moto3)
Distanza totale: 120,6 km (MotoGP), 110,1 km (Moto2), 104,9 km (Moto3)
Numero di curve: 15
Senso di marcia: orario

RECORD

Giro gara MotoGP: 1:47.639 - Marc Márquez - Honda - 2013
Giro prova MotoGP: 1:46.489 - Andrea Iannone - Ducati - 2015
Vittorie pilota 500cc/MotoGP: 7 - Valentino Rossi
Vittorie costruttore 500cc/MotoGP: 19 - Yamaha
Pole pilota 500cc/MotoGP: 7 - Mike Hailwood, Giacomo Agostini
Pole costruttore 500cc/MotoGP: 21 - Honda
Podi pilota 500cc/MotoGP: 10 - Valentino Rossi
Podi costruttore 500cc/MotoGP: 50 - Honda

Giro gara Moto2: 1:52.530 - Esteve Rabat - Kalex - 2015
Giro prova Moto2: 1:51.514 - Sam Lowes - SpeedUp - 2015
Vittorie pilota 250cc/Moto2: 4 - Riccardo Brusi, Carlo Ubbiali, Phil Read, Anton Mang
Vittorie costruttore 250cc/Moto2: 17 - Moto Guzzi
Pole pilota 250cc/Moto2: 4 - Max Biaggi
Pole costruttore 250cc/Moto2: 17 - Aprilia
Podi pilota 250cc/Moto2: 5 - Carlo Ubbiali, Anton Mang
Podi costruttore 250cc/Moto2: 37 - Honda

Giro gara Moto3: 1:57.318 - Brad Binder - KTM - 2015
Giro prova Moto3: 1:56.615 - Danny Kent - Honda - 2015
Vittorie pilota 125cc/Moto3: 7 - Ángel Nieto
Vittorie costruttore 125cc/Moto3: 11 - Honda, Aprilia
Pole pilota 125cc/Moto3: 6 - Carlo Ubbiali, Pier Paolo Bianchi
Pole costruttore 125cc/Moto3: 11 - Aprilia, Honda
Podi pilota 125cc/Moto3: 10 - Carlo Ubbiali, Ángel Nieto
Podi costruttore 125cc/Moto3: 38 - Honda

ALBO D'ORO

PROGRAMMA

Venerdì 2 giugno
9:00-9:40 Prove Libere 1 Moto3 - SkySport MotoGP
9:55-10:40 Prove Libere 1 MotoGP - SkySport MotoGP
10:55-11:40 Prove Libere 1 Moto2 - SkySport MotoGP
13:10-13:50 Prove Libere 2 Moto3 - SkySport MotoGP
14:05-14:50 Prove Libere 2 MotoGP - SkySport MotoGP
15:05-15:50 Prove Libere 2 Moto2 - SkySport MotoGP

Sabato 3 giugno
9:00-9:40 Prove Libere 3 Moto3 - SkySport MotoGP
9:55-10:40 Prove Libere 3 MotoGP - SkySport MotoGP
10:55-11:40 Prove Libere 3 Moto2 - SkySport MotoGP
12:35-13:15 Qualifiche Moto3 - SkySport MotoGP, TV8
13:30-14:00 Prove Libere 4 MotoGP - SkySport MotoGP
14:10-14:50 Qualifiche MotoGP - SkySport MotoGP, TV8
15:05-15:50 Qualifiche Moto2 - SkySport MotoGP, TV8

Domenica 4 maggio
8:40-9:00 Warm-up Moto3 - SkySport MotoGP
9:10-9:30 Warm-up Moto2 - SkySport MotoGP
9:40-10:00 Warm-up MotoGP - SkySport MotoGP
11:00 Gara Moto3 - SkySport MotoGP, TV8
12:20 Gara Moto2 - SkySport MotoGP, TV8
14:00 Gara MotoGP - SkySport MotoGP, TV8

Immagine copertina: motogp.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE