MOTOGP Argentina: Viñales precede Rossi, Márquez a terra

Secondo successo in due gare per il nuovo pilota Yamaha, zero pesante per l'iridato in carica di 09 aprile 2017, 22:11 273 visualizzazioni
MotoGP | Argentina: Viñales precede Rossi, Márquez a terra

Torna il sole sulla MotoGP e torna a splendere anche Maverick Viñales. Lo spagnolo della Yamaha ha dominato il Gran Premio d'Argentina dopo le difficoltà patite ieri in qualifica sull'asfalto umido, precedendo Valentino Rossi e Cal Crutchlow al termine di una gara a eliminazione. Statisticamente, non accadeva dal 1992 che i vincitori delle tre categorie fossero gli stessi in entrambe le gare di apertura della stagione: 25 anni fa furono Ralf Waldmann in 125cc, Luca Cadalora in 250cc e Michael Doohan in 500cc, e solo il pilota italiano si aggiudicò poi il titolo mondiale.

Vittima del suo stesso, incalzante ritmo è stato Marc Márquez, scivolato su una piccola buca all'inizio del secondo giro. Per il campione in carica è uno zero pesantissimo in ottica campionato, in una gara che invece poteva essere vinta con buon margine.

Ne ha prontamente approfittato Viñales, abile nello scavalcare Cal Crutchlow e nel prendere vantaggio subito dopo il sorpasso decisivo. Un passo di gara martellante e inavvicinabile per chiunque, compreso un Valentino Rossi ancora piazzato ma lontano dalle prestazioni del compagno di squadra.

Per il pesarese, al 350esimo Gran Premio in carriera, un secondo posto arrivato grazie al sorpasso su Crutchlow durante il 19esimo passaggio. Davvero ottima la gara del britannico del team LCR, prontamente riscattatosi dopo la caduta di due settimane fa a Losail.

Lunghissima la lista dei protagonisti che non hanno terminato la gara: a terra già alla prima curva Jorge Lorenzo, che ha stampato la sua Ducati contro Andrea Iannone, a sua volta autore di un jump start e dunque penalizzato con un ride through; Daniel Pedrosa è caduto nella stessa curva del compagno di squadra al 14esimo giro; sfortunatissimo Andrea Dovizioso, centrato da Aleix Espargaró una tornata più tardi.

Primo beneficiario di questa ecatombe è stato Álvaro Bautista, quarto con la Ducati del team Aspar davanti ad uno spettacolare Johann Zarco. Sesto Jonas Folger, che ha preceduto un Danilo Petrucci a sua volta molto veloce nelle prime fasi di gara. Top ten chiusa da Redding, Miller e Abraham, il quale non ha dato seguito all'ottima qualifica di ieri. Punti mondiali per entrambe le KTM, con Pol Espargaró 14esimo e Bradley Smith subito dietro.

Fuga mondiale per gli alfieri Yamaha, con Viñales a punteggio pieno e Rossi distante 14 punti. Ancora terzo Dovizioso, nonostante la caduta odierna, davanti a Redding che tuttavia è solo a quota 17. Ottavo Márquez, lontano 37 lunghezze da Viñales, mentre è tristemente fermo a quota 5 Jorge Lorenzo.

Prossimo appuntamento con il Motomondiale tra due settimane, con il Gran Premio delle Americhe ad Austin.

Classifica di gara
Classifica di campionato

Immagine copertina: twitter.com/YamahaMotoGP