Montezemolo: "Non mi piace questa complessità in gara, sia per i piloti, che per gli spettatori"

di 12 marzo 2014, 16:06
Montezemolo: "Non mi piace questa complessità in gara, sia per i piloti, che per gli spettatori"

Il presidente della Ferrari, Luca di Montezemolo è preoccupato nei confronti di questa F1 che rischia di essere più vicina al "guidare un taxi", a causa della troppa attenzione verso il consumo delle gomme e il risparmio di carburante. Il presidente teme che questo possa ridurre lo spettacolo in F1, ma anche che questo possa rendere le gare di F1 meno facili da capire.

"Non mi piace questo 'guidare dei taxi'" ha dichiarato. "Non mi piace questa complessità nell'interpretare la gara, sia per i piloti e sia per gli spettatori".

"Fino alla stagione precedente, c'era la preoccupazione di dover risparmiare le gomme. Era ingannevole vedere un pilota in testa, perché poi si sarebbe dovuto fermare per un cambio gomme. Non era facile interpretare e capire appieno una gara".

"Ora, bisogna aggiungervi il consumo di carburante e gestirlo durante una gara perché è limitato. Preferisco la F1 dove si spinge fino al limite".

Malgrado questo, Luca di Montezemolo è a favore di questo cambiamento nel motorsport: "Non possiamo essere tra quelli che non vogliono una F1 più innovativa e più tecnologica, perché poi le novità vengono trasferite nelle macchine di serie".

"Per noi è stato come mettere un puzzle assieme: alcune cose sono andate come dovevano, altre no. Quello che mi ha fatto più piacere è stato vedere finalmente, dopo quattro anni di problemi, una correlazione tra quello che c'era in galleria del vento e i dati raccolti in pista".

"Queste F1 ibride rappresentano un progetto estremamente complesso. Le difficoltà incontrate anche dagli altri team lo dimostra. L'affidabilità sarà importante; e sarà interessante vedere quante monoposto finiranno la gara".


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.