Alessandro Secchi

SEVEN Michael is back, ci basta questo. Ora vogliamo la 93a vittoria.

di 16 giugno 2014, 23:59
Michael is back, ci basta questo. Ora vogliamo la 93a vittoria.

E' difficile spiegare la reazione nel leggere il comunicato stampa di stamattina, proveniente direttamente da Sabine Kehm. Stupore, commozione, emozione. Di certo un qualcosa di inatteso, perchè ormai il conteggio dei giorni passati dal 29 Dicembre era diventato quotidiano, quasi normale. A ieri, 15 Giugno, 169 giorni su quel letto di ospedale a Grenoble.

La notizia, oggi, è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Non me l'aspettavo anche se, in cuor mio, ci avevo sempre sperato. E sono uno che non spera quasi mai.

Certo, questo è un piccolo, piccolissimo passo sulla strada della riabilitazione. Ma il fatto che Michael sia fuori dal coma è di per sè qualcosa di importante dopo tutti questi giorni. 169. Se sommiamo le sue vittorie, le sue pole, i suoi mondiali (91+68+7) arriviamo a 166. Come se il ragazzo si fosse preso una giornata di riposo per ogni sua conquista..con gli interessi.

Si scherza, ovviamente, ma oggi forse è il primo giorno nel quale si può tirare un sospiro di sollievo. Anche se non conosciamo le sue condizioni, anche se non le conosceremo per molto tempo, sapere che è ancora con noi e può lottare con coscienza è la notizia più bella che potesse arrivare dopo mesi di speculazioni, illazioni, bombe utili solo a riempire le statistiche delle visite di qualche blog.

Chissà, magari tra un po' di tempo sarà abbastanza lucido da poter leggere e vedere con i suoi occhi tutto quello che è successo in questi mesi, tutto ciò che i suoi tifosi hanno scritto e fatto per lui. Dediche, video, immagini, raduni. E capirà quanto la sua famiglia sia stata supportata, dall'esterno, in questo tempo. E non dovrà meravigliarsi di tutto questo, perchè il sostegno era il minimo che si potesse fare per una persona che ha regalato emozioni per 20 anni a milioni di persone.

Non poteva farmi miglior regalo per l'anniversario delle nozze. E adesso, che la 92a vittoria è ottenuta, si parte per la 93a. L'obiettivo non lo  conosco, ma voglio pensare che vincerà ancora.

Ha vinto dopo 6 mesi da morto, adesso che è sveglio e cosciente può solo metterci il 110% come ha sempre fatto.

#KeepFightingMichael, più di ieri, meno di domani.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

2 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. Monica
    #1 Monica 17 giugno, 2014, 10:06

    Quando ieri è arrivata questa bella notizia mi sono commossa, avrei voluto stringere in un abbraccio Michael. Seguo la F1 grazie alla passione per Schumi, quando vedo le sue foto o i video delle sue vittorie, riemergono i ricordi di grandi emozioni, emozioni che la formula 1 dei giorni nostri e anche gli attuali piloti, non riescono più a dare. Continuo a guardare le gare, ma più per abitudine che per passione, quella è svanita quando Schumacher si è ritirato definitivamente.#KeepFightingMichael.

  2. Dariok
    #2 Dariok 17 giugno, 2014, 00:30

    Grande! ricorderò sempre il 25 agosto 1991, quando alle qualifiche di Spa un giovane sconosciuto tedesco sulla Jordan catturava l'attenzione delle telecamere, malgrado a lottare in testa ci fossero nientemeno che Senna, Prost e Mansell; mi ricordo l'emozione che mi diede quel pilota scatenato dal fondo della cui vettura lanciata in sorpassi anche in qualifica si sprigionavano scintille: E fu solo l'inizio. Ho fatto un po' di calcoli al contrario di quello che si fa di solito: nella carriera di Michael 1.0 nelle gare da lui portate a termine da quel lontano agosto si dovette aspettare il '96, Hungaroring, per vederlo fuori dalla zona punti. Nono posto dopo essere partito dalla pole. Poi il 98, Monaco, decimo. 99 nono in Australia. Poi dobbiamo attendere il 2004, 12m o in Cina. 2005 decimo a Monza. Con i punteggi attuali sarebbe finito solo una volta fuori dalla zona punti, una volta in 14 anni!!! se non è un mito questo! e in questa gara sale nuovamente sul podio

Solo gli utenti registrati possono commentare.