Mercedes W04 al lancio. Sarà finalmente una 'freccia'?

di 04 febbraio 2013, 18:30
Mercedes W04 al lancio. Sarà finalmente una 'freccia'?

Questa mattina, ad Jerez, la Mercedes ha effettuato uno shakedown, con al volante Nico Rosberg, della nuova vettura di Brackley, la W04.

Sotto gli occhi di Lewis Hamilton, nuovo pupillo della Stella a tre punte, Rosberg ha effettuato qualche giro promozionale, a bassa velocità e montando pneumatici Pirelli da 'promozione'. La W04 era anche corredata di telecamere per riprese onboard. Tutto rientra nel chilometraggio previsto dalla Federazione per effettuare riprese pubblicitarie.

Alle ore 13.30, invece, è avvenuta la presentazione vera e propria della nuova monoposto.
Svelata ai fotografi sul rettilineo principale del Circuito di Jerez, la nuova W04 è stata inaugurata da Hamilton e Rosberg che hanno tolto il velo nero sotto il quale era avvolta.

Nel pomeriggio è stato invece Hamilton a percorrere qualche giro sulla sua nuova monoposto.

Al di là di qualche sprazzo di verde Petronas in più sulla livrea, la W04 non pare scostarsi di tanto dalla W03 che l'ha preceduta.
Il muso presenta ancora lo scalino, ma è molto meno accentuato rispetto a quello dell'anno passato. Il muso in generale è leggermente più basso rispetto a quello del 2012.

Si è lavorato sulle pance, più scavate in basso, e sulla zona scarichi. Che non pare, comunque, snella come quella mostrata ieri dalla Red Bull. Sospensione anteriore push-rod. Niente cambiamento anche per loro.

Per la Mercedes c'è anche un nuovo partner, comunicato questa mattina. Il marchio Blackberry campeggia, infatti, ai lati dell'abitacolo della W04 e sulle tute di Hamilton e Rosberg. Tra l'altro, a proposito dei due piloti, non sarà facilissimo riconoscerli una volta seduti nelle loro monoposto. Entrambi hanno infatti mantenuto una colorazione gialla per il casco (più fluorescente quello di Nico, più tradizionale quello di Lewis) e saranno necessari degli adesivi colorati su telecamere e ali per distinguere ad occhio i due piloti da lontano.

L'obiettivo della Mercedes è quello, prima di tutto, di uscire dalla crisi che l'ha relegata a centro gruppo nella seconda metà del 2012, costringendola spesso anche fuori dai punti. Di questo sono consci sia Ross Brawn, che parla di un'evoluzione evidente della W04 rispetto alla precedente, sia Lewis Hamilton che sa di dover lavorare duro per ottenere i risultati dell'anno scorso.

Il problema cronico della Mercedes è stato quello dell'usura delle gomme Pirelli. Se all'inizio del 2012 la situazione pareva essere migliorata, con la Mercedes nelle prime file in qualifica e una vittoria in Cina, nella seconda parte gli sviluppi sono venuti a mancare e le prestazioni sono inesorabilmente calate. Sarà da valutare, quindi, la capacità della Mercedes di sviluppare la vettura e di stare al passo con le altre squadre di vertice.

In tutto questo sono curioso di valutare la capacità di Hamilton di dare una mano al team a risalire la china. E, in rapporto con Hamilton, voglio capire il vero valore di Rosberg. Perchè per molti il confronto con Schumacher non è stato veritiero vista l'anzianità di Michael (che poi insomma, una Pole a Montecarlo...). Sarà quindi Lewis a dirci a che livello è davvero Nico. Sinceramente, non saprei dire.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

4 commenti

Prendi parte alla discussione
  1. luciano
    #1 luciano 6 febbraio, 2013, 16:43

    sarà pure una freccia... ma è l' arco che non funziona..

  2. djbill
    #2 djbill 4 febbraio, 2013, 23:19

    Per fortuna che la F1 si è spostata su sky, altrimenti c'è il solito ritornerlo del Trio Capelli-Mazzoni-Bruno con "ecco Hamilton, no è Rosberg..." all'infinito...

  3. AleMans
    #3 AleMans 4 febbraio, 2013, 19:30

    Visti i distacchi che prendevano l'anno scorso e la lentezza nel reagire ho l'impressione che i problemi fossero molto importanti e per questo non penso che la Mercedes sará veloce da subito.
    Considerando che lo sviluppo per quest'anno durerá pochi mesi per concentrarsi al massimo sul 2014, non confido troppo in colpi di genio in corso d'opera.
    Forse saranno avvantaggiati insieme alla Lotus nello sviluppo del DRS passivo, ma secondo me per quest'anno la differenza dovranno farla i piloti se il gap é stato ridotto.

Solo gli utenti registrati possono commentare.