Mario Andretti: la F1 non deve cambiare a tutti i costi

di 05 ottobre 2015, 15:00
Mario Andretti: la F1 non deve cambiare a tutti i costi

Mario Andretti vuole mettere in guardia la F1, contro i cambiamenti a tutti i costi, e la F1 sembra pronta a cambiare di nuovo pelle per il 2017.

"La F1 è un grande prodotto" ha dichiarato Andretti ad Auto Motor und Sport "Si mantiene integra per la tecnologia, quello è il suo marchio distintivo. Quello è il motivo per cui i fan amano la F1".

"Il motorsport in generale è costoso, e la F1 a volte va troppo in là, a volte lo sport ha bisogno di adattarsi. Dico adattarsi, non cambiare per il gusto di dover cambiare a tutti i costi. Nessuna categoria automobilistica è perfetta. Non c'è nessuna formula magica, non cercate di reinventare la ruota. Sarebbe la cosa peggiore che potrebbero fare. Come è successo in Indycar - hanno tradito le loro radici e hanno introdotto delle idee che non sono adatte alla serie".

.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. FEDELE DA MO'
    #1 FEDELE DA MO' 5 ottobre, 2015, 19:19

    Sinceramente non mi sembra una gran dichiarazione, o meglio non ha contenuti o suggerimenti sulla strada da percorrere. Mario è stato un buon pilota ma ai suoi tempi era leggermente diverso, le case automobilistiche erano meno impegnate direttamente nella F1 e se non fossero intervenuti i Benzinai, i Tabaccai gli Alcoolisti e qualcuno disposto a dissipare tutto o in parte il patrimonio di famiglia, vedi Lord Hesket, la F1 avrebbe chiuso i battenti...con l'intervento di FIAT, RENAULT, HONDA, PORSCHE, FORD, MERCEDES ALFA ROMEO, PEUGEOT, LAMBORGHINI si è arrivati ai giorni nostri e i GRANDI COSTRUTTORI o vincono o se ne vanno perchè probabilmente il non vincere è negativo per il mercato dell'auto. Per noi "amanti" sarebbe un disastro purtroppo è la legge dei numeri che non si deve confondere con lo SPORT come lo vorremmo.
    Io spero solamente che Bernie campi ancora una ventina di anni e istruisca qualcuno a guidare il baraccone perchè penso che mettere d'accordo i costruttori non sia cosa semplice.

Solo gli utenti registrati possono commentare.