Maldonado tratta con la Sauber per il 2014

di 14 novembre 2013, 10:15 114 visualizzazioni
Maldonado tratta con la Sauber per il 2014

La lunga lista dei pretendenti a un volante della Sauber per la prossima stagione si arricchisce del nome di Pastor Maldonado. Stando a quanto riporta Roger Benoit, inviato del quotidiano svizzero "Blick", il pilota venezuelano è stato ad Hinwil questa settimana assieme a Nicolas Todt, suo manager; la Sauber non ha confermato nè smentito la notizia.

Maldonado, che lascerà la Williams a fine stagione, si sta contendendo con Nico Hülkenberg il secondo sedile della Lotus: il tedesco è la prima scelta sia di Boullier che dei nuovi finanziatori della Quantum Motorsport, ma se l'accordo con gli arabi dovesse saltare ad Enstone si troverebbero costretti a puntare tutto su Maldonado; il venezuelano, nel frattempo, sembra aver individuato nella Sauber la sua ancora di salvezza, nel caso in cui la Lotus ingaggiasse Hülkenberg.

La Sauber ha grossi problemi finanziari già da alcuni mesi, tanto che a inizio luglio erano circolate le voci, prontamente smentite da Peter Sauber, di una possibile chiusura della squadra addirittura prima della fine della stagione. A metà luglio era giunta la notizia dell'arrivo di alcuni finanziatori russi che, in cambio dell'ingaggio del giovanissimo Sergey Sirotkin per il 2014, avrebbero ridato ossigeno alle casse della squadra di Hinwil; 4 mesi dopo l'ufficializzazione dell'accordo, tuttavia, dalla Russia non sembra essere arrivato un solo rublo, tanto che ieri il quotidiano "Handelszeitung" ha scritto che la Sauber ha un debito di 44 mila euro nei confronti del Cantone di Zurigo per via di alcune bollette della luce non ancora saldate.

Ecco allora che Maldonado potrebbe essere l'uomo giusto per risolvere i problemi economici della squadra svizzera: i venezuelani della PDVSA metterebbero a disposizione di Maldonado circa 40 milioni di euro, una cifra che consentirebbe alla Sauber di pagare una parte dei debiti arretrati e di coprire una buona fetta del budget per il 2014.




Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.