Magnussen: "Non rimarrò fermo un altro anno"

di 15 agosto 2015, 10:00 86 visualizzazioni
Magnussen: "Non rimarrò fermo un altro anno"

Parlando ad Autosport a proposito delle prospettive future della sua carriera, Kevin Magnussen ha detto che non accetterà di rimanere fermo per un altro anno. Dopo essere stato accantonato dalla McLaren-Honda in favore di Fernando Alonso, il danese ha dovuto accontentarsi del ruolo di terzo pilota per questa stagione con la prospettiva di un eventuale "ripescaggio" nel 2016, ma la stupenda stagione in GP2 di Stoffel Vandoorne, altro pilota della casa di Woking, rischia di mettere a repentaglio questa possibilità anche nel caso in cui Jenson Button venisse lasciato libero al termine di quest'anno.

Nei programmi di inizio anno, Magnussen avrebbe dovuto correre in Indycar con un team Honda, verosimilmente quello di Michael Andretti, ma l'incidente di Alonso a Barcellona nei test invernali l'ha obbligato a rivedere i suoi piani: costretto a sostituire lo spagnolo nella gara iniziale della stagione a Melbourne, Magnussen e il suo management non sono riusciti a chiudere il budget per partecipare al campionato Indycar e il danese è così rimasto a piedi.

"Non rimarrò un altro anno fermo senza correre - non esiste proprio" ha detto l'ex campione di Formula Renault. "Spero che a fine anno si muova qualcosa in Formula 1, ma se ciò non dovesse succedere comincerò a guardare altrove; con ciò però non escludo di poter essere ancora pilota di riserva in McLaren l'anno prossimo" ha aggiunto il danese, reclamando la sua intenzione di voler comunque continuare a lavorare per la squadra di Woking. "Spero però che ciò non accada, spero di tornare in Formula 1 l'anno prossimo".

Dato che il suo futuro in Formula 1 è ancora un grande punto interrogativo, Magnussen continua a guardare con interesse a quella Indycar cui era andato vicino ad approdare già quest'anno. "Ho sempre amato la Indycar, penso che ci sia qualcosa che la renda davvero interessante: semplicemente mi piacciono le gare alla vecchia maniera. Quest'anno abbiamo avuto davvero poco tempo per trovare il budget e inoltre la McLaren ha avuto bisogno di me dopo quel che era successo a Fernando" ha concluso Kevin, il cui padre Jan ha anche corso, sia pur con scarso successo, in alcune gare in Formula CART nel 1996 e nel 1999.Immagine di copertina dall'account Instagram McLaren


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.