Andrea Ettori

CAMONJENSON La vittoria Honda a Monza 67

di 03 settembre 2015, 15:00
La vittoria Honda a Monza 67

Monza e Honda. Una storia lunga passata attraverso i successi di Piquet con la Williams degli anni 80, di Prost e Senna con la Mclaren nel 89, 90 e 92 e al podio di Button con la Bar nel 2004.

Ma questa storia ha visto come momento più glorioso per i giapponesi la vittoria di John Surtees nel 1967. In quella stagione il campione del mondo del 1964 con la Ferrari venne scelto dai vertici di Tokyo per guidare l'unica vettura del team iscritta al campionato del mondo. Questa decisione venne presa per concentrarsi maggiormente sul nuovo progetto e per contenere i costi dovuti alle trasferte europee.

La prima parte di stagione, corsa con la RA273 del 1966, vide Surtees ottenere un podio e qualche piazzamento a punti. Il vero problema però era l'affidabilità, che costrinse l'inglese a diversi ritiri.

Fu così che in occasione del Gp d'Italia dal Giappone arrivò la nuova e bellissima RA300 progettata dal tecnico britannico Eric Broadley. Il motore restava sempre quello della RA273, ovvero il V12RA273E che permetteva prestazioni molto elevate in termini di velocità pura.

Nonostante il dominio di Jim Clark con la Lotus 49, la gara vide il trionfo della Honda e di Surtees: l'inglese fu abile a sfruttare i guai occorsi a Clark negli ultimi giri, andando a vincere la gara dopo un duello fantastico con Jack Brabham che arrivò secondo a pochi decimi dal vincitore.

Nei box esplose la gioia dei giapponesi che portarono in trionfo Surtees, abile nel portare al successo la loro vettura all'esordio. La storia poi ci ha detto che Honda alla fine del 1968 abbandonò le corse automobilistiche, per poi ritornare come motorista nel 1983.

Quest'anno Honda è tornata come fornitore della Mclaren in un binomio che ha fatto la storia di questo sport. Purtroppo la situazione attuale del motorista giapponese non è minimamente paragonabile a quella di diversi anni fa, con tanti problemi che non hanno mai permesso a Button e Alonso di poter lottare per le prime posizioni.

La Formula 1 però a volte ci ha fatto vedere dei veri e propri miracoli, e anche se questo è molto difficile, Honda e Mclaren hanno il dovere di provarci comunque durante il week-end di gara. Vedremo cosa succederà ma intanto è stato bello ricordare da appassionato quella fantastica e romantica vittoria del 1967.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.