La McLaren e gli svantaggi di non essere un costruttore di motori

di 22 ottobre 2014, 12:45 5 visualizzazioni
La McLaren e gli svantaggi di non essere un costruttore di motori

Ron Dennis ha dichiarato che, con le attuali regole per quanto riguarda i motori, per un team cliente è impossibile vincere un mondiale. Secondo il presidente della McLaren, le circostanze attuali rendono impossibile a un team, a cui vengono forniti i motori da Ferrari, Mercedes e Renault, di vincere come loro.

Il motivo sembra essere piuttosto semplice: i team a cui vengono forniti i propulsori non hanno accesso alle stesse informazioni e alle stesse quantità di dettagli rispetto ai costruttori di motori.

"Un aspetto che salta subito all'occhio" ha spiegato Dennis "è nel vedere anche solo le qualifiche di quest'anno, dove c'è una grossa differenza tra la Mercedes e gli altri team motorizzati Mercedes. Talvolta, c'è anche una differenza di un secondo, lasciando da parte quando corrono in gara, che è molto diverso". "A mio avviso, ed è un'opinione condivisa da molti nella nostra organizzazione, non hai la possibilità di vincere un mondiale se non ricevi i motori migliori dal tuo fornitore. Perché non si ha il controllo delle informazioni, e non avendo ulteriori informazioni, non riesci neanche a modificare dei dati importanti come l'ingresso in curva della monoposto... E si perde molto tempo sul giro. L'avere lo stesso motore non significa che si possa avere la possibilità di ottimizzarlo con la propria monoposto". E questo è anche uno dei motivi per cui il team di Woking passerà ai motori Honda a partire dal 2015. "Bisogna iniziare a mettersi nella posizione in cui si possa avere il miglior motore possibile. Abbiamo avuto un'ottima partnership con la Mercedes, ma vogliamo iniziare sin da subito a essere competitivi con la Honda" ha osservato Dennis.




Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.