Indycar, St. Petersburg: Power al comando al termine della prima giornata

di 23 marzo 2013, 02:00
Indycar, St. Petersburg: Power al comando al termine della prima giornata

Di solito Will Power è il pilota più veloce della Indycar nei circuiti cittadini e negli stradali, quindi ha sicuramente destato un pò di sorpresa il suo terzo tempo al termine della prima sessione di prove libere; tutto è però tornato alla normalità alla fine della seconda sessione: Power ha fatto segnare il tempo di 1:01.4667s, battendo di 0.1785s il tempo di Ryan Hunter-Reay, campione in carica della Indycar.

Grazie a condizioni meteo ideali, con cielo sereno e temperatura mite, e con la pista sempre più gommata, i tempi si sono notevolmente abbassati rispetto alle prove libere del mattino: ben diciotto piloti hanno abbassato il miglior tempo di Hunter-Reay stabilito nella mattinata. Dietro ai due rivali della stagione 2012 si è piazzata Simona de Silvestro, sorprendentemente terza a 0.2428s da Power; a seguire Oriol Servia (Panther), Takuma Sato (Foyt, primo tra i piloti motorizzati Honda) e Helio Castroneves (Penske). Sessione disastrosa per il team Ganassi: il migliore dei suoi piloti è stato Charlie Kimball, 13°, mentre i più quotati Franchitti e Dixon si sono piazzati al 17° e al 19° posto.

Le migliori condizioni della pista hanno indotto i piloti a spingere sempre più, e questo naturalmente li ha portato a commettere alcuni errori: James Jakes è stato autore di un fuori pista alla curva 8, Justin Wilson ha sfiorato le barriere alla curva 14 e Scott Dixon è finito nella via di fuga della curva 4, mentre Alex Tagliani e Sebastian Saavedra sono usciti di strada alla curva 10, uno dei punti più favorevoli per tentare il sorpasso in gara. Josef Newgarden si è invece dovuto fermare a bordo pista per la rottura del cambio. Peggio sarebbe potuta andare andare a Graham Rahal: durante la sessione del mattino, il pilota del team Rahal-Letterman ha avuto problemi all'acceleratore, rimasto bloccato al 20% della farfalla; la squadra fortunatamente ha risolto il problema, e nella seconda sessione Rahal è potuto tornare normalmente in pista, riuscendo a conquistare il 14° posto.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.