INDYCAR Hinchcliffe primo nelle qualifiche del sabato

di 22 maggio 2016, 09:45
Indycar | Hinchcliffe primo nelle qualifiche del sabato

È stato James Hinchcliffe il pilota più veloce nella prima sessione di qualifica che si è disputata ieri all'Indianapolis Motor Speedway. Il pilota canadese ha completato il migliore dei suoi due run da quattro giri lanciati in 2:35.8803 alla media di 230.946 mph; alle sue spalle si sono piazzati Ryan Hunter-Reay, secondo a 9 centesimi, e Will Power, terzo a 14. Gli altri piloti che si giocheranno la Fast Nine nelle qualifiche di oggi saranno Helio Castroneves, uno straordinario Townsend Bell, Josef Newgarden, Mikhail Aleshin, Carlos Muñoz e Simon Pagenaud.

Al contrario di quanto visto nelle libere, quando Honda sembrava avere il controllo totale della situazione, in qualifica c'è stato un certo equilibrio tra i due motoristi: dei partecipanti alla Fast Nine di domani 5 utilizzano il pacchetto motore/aerokit prodotto dal costruttore nipponico, 4 quello della Chevrolet. A livello di squadre, Andretti e Penske avranno tre piloti a testa in Fast Nine, il team Schmidt ne avrà due e il team Carpenter uno; a sorpresa il team Ganassi non avrà nessun suo rappresentante tra i primi nove.

Sono tanti i nomi illustri che figurano nella lista degli esclusi, primi tra tutti i due grandi sfidanti al titolo 2015: Juan Pablo Montoya e Scott Dixon non sono riusciti a far meglio della 12ª e 13ª posizione, alle spalle di Alexander Rossi, primo degli esclusi, e di Marco Andretti; qualifica difficile anche per un altro dei grandi protagonisti dello scorso campionato, Graham Rahal, che ha chiuso solamente al 21° posto.

La sessione di ieri è stata particolarmente intensa soprattutto nella sua fase conclusiva, quando nell'arco di pochi minuti Andretti, Hunter-Reay e Aleshin si sono rubati a vicenda un posto valido per l'ingresso nella Fast Nine: chi ne ha fatto le spese è stato proprio Andretti, che nonostante fosse riuscito a qualificarsi al nono posto è stato successivamente eliminato per via dei miglioramenti di Hunter-Reay e Aleshin; il pilota russo, tra l'altro, ha potuto qualificarsi in extremis, in quanto è sceso in pista a pochi secondi dal fatidico colpo di pistola che tradizionalmente interrompe le attività ad Indianapolis.

Dei 33 piloti iscritti solamente 30 hanno ottenuto un tempo: Max Chilton non è sceso in pista dopo l'incidente che aveva avuto nel corso delle prove libere della mattinata, mentre Pippa Mann è andata a sua volta a sbattere nel corso del suo tentativo lanciato a causa di un cedimento all'ala posteriore della vettura. Gabby Chaves è il 33° pilota a non avere un tempo: il pilota colombiano aveva deciso di rinunciare al tempo ottenuto all'inizio del turno per provare ad entrare nella top-9, ma una volta resosi conto che ciò non gli sarebbe stato possibile ha deciso di abortire il proprio tentativo per permettere agli altri di qualificarsi.

Se il miglior tempo sui quattro giri lanciati è stato ottenuto da James Hinchcliffe, il più veloce sul giro singolo è stato Townsend Bell, che ha percorso un giro dell'ovale di Indianapolis in 38.8632 secondi, alla media di 231.582 miglia orarie. Proprio Bell è stato a lungo il più veloce di tutti, prima di venir scavalcato nel corso dell'ultima ora da Helio Castroneves.

Anche per oggi il programma è particolarmente fitto: dalle 12 alle 14 si terrà un ulteriore turno di prove libere, in cui i piloti verranno divisi in tre gruppi sulla base dei tempi registrati nelle prove ufficiali di ieri, dopodiché alle 14:45 inizieranno le vere e proprie qualifiche che determineranno la griglia di partenza per la 500 Miglia di Indianapolis di domenica prossima. Dapprima scenderanno in pista i piloti che ieri si sono qualificati dalla 10ª posizione in poi, con l'ultimo che sarà il primo a scendere in pista seguito dal penultimo e così via fino ad arrivare ad Alexander Rossi, decimo ieri; il copione si ripeterà in occasione della Fast Nine, che inizierà alle 17 locali e che vedrà scendere in pista nell'ordine Pagenaud, Muñoz, Aleshin, Newgarden, Bell, Castroneves, Power, Hunter-Reay e Hinchcliffe.

A seguire la lista di tutti i tempi fatti segnare ieri: solo i primi 30 si riferiscono a tentativi cronometrici validi, mentre dal 31° posto in poi troviamo i tempi che sono stati scartati nelle fasi conclusive del turno.

IN160607

Immagine di copertina da indycar.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.