INDYCAR Diramato il calendario per il 2017

di 26 agosto 2016, 12:15
Indycar | Diramato il calendario per il 2017

La Verizon Indycar Series ha ufficializzato ieri quello che sarà il calendario per la stagione 2017: sono stati confermati in blocco tutti gli eventi di questa stagione e a questi si aggiungerà una tappa al Gateway Motorsports Park di Madison. Il ritorno in calendario dell'impianto dell'Illinois non è una sorpresa, visto che era da più di un anno che se ne parlava ormai da più di un anno; a Gateway si sono disputate gare della serie CART tra il 1997 e il 2000 e della serie IRL nelle successive tre stagioni.

Il calendario 2017 avrà una forma molto simile a quello di quest'anno: la stagione durerà ancora poco più di 6 mesi, dal 12 marzo al 17 settembre, e l'unica variazione significativa in termini di data è lo slittamento della 250 Miglia di Phoenix da inizio a fine aprile per evitare una concomitanza con le final four del campionato collegiale di basket organizzato dalla NCAA che si tiene proprio il primo weekend di aprile.

La stagione partirà così dalla Florida col Gran Premio di St.Petersburg il 12 marzo; ci saranno poi ben quattro settimane di pausa prima del Gran Premio di Long Beach, che si terrà il 9 aprile. Il 23 aprile si andrà in Alabama al Barber Motorsports Park per la prima gara su un circuito stradale della stagione e il sabato successivo si correrà a Phoenix.

Il mese di maggio è quello dedicato ad Indianapolis: si entrerà nel vivo sabato 13 maggio quando si correrà il Gran Premio di Indianapolis; tra il 20 e il 21 maggio si disputeranno le qualifiche per la 500 Miglia che si terrà la domenica successiva. Nel primo weekend di giugno si correrà l'unico double header stagionale, quello di Detroit, mentre sabato 10 giugno si andrà in Texas sull'ovale di Fort Worth.

Il 25 giugno si tornerà a Road America dopo il grande successo di quest'anno; seguiranno poi le gare sull'ovale corto dell'Iowa il 9 luglio e sul circuito cittadino di Toronto la domenica successiva, per quella che sarà l'unica gara che si disputerà al di fuori dei confini statunitensi. La prima parte di stagione si concluderà il 30 luglio con la 200 Miglia di Mid-Ohio

Alla ripartenza dopo le tre settimane di riposo dovute alla pausa estiva il calendario si presenta particolarmente fitto: il 20 agosto si andrà in Pennsylvania per la 500 Miglia di Pocono, il sabato successivo ci sarà il ritorno in calendario di Gateway con una gara in notturna e domenica 3 settembre si andrà nello stato di New York per una nuova edizione del Gran Premio di Watkins Glen, che quest'anno ha fatto il suo ritorno in calendario subentrando al fallito evento di Boston.

La chiusura stagionale si terrà ancora una volta sul circuito stradale di Sonoma, in California, il 17 settembre. Non sono state date informazioni in merito, ma è probabile che ancora una volta sia la 500 Miglia di Indianapolis che la gara di Sonoma attribuiranno doppi punti.

L'annuncio del calendario 2017 non è però l'unica novità di ieri: Mark Miles ha infatti comunicato che anche la definizione del calendario per il 2018 è a buon punto e nelle prossime settimane potrebbero esserci delle novità anche in tal senso.

"Eravamo ad un passo dal definire i calendari per il 2017 e il 2018. Mi aspetto che tutti gli eventi in calendario per il 2017 rimangano anche nel 2018, ma ci sono ancora alcuni dettagli da sistemare; ad esempio dobbiamo valutare quale sarà la data più sensata per correre a Phoenix. Inoltre ci sono alcune prospettive interessanti per noi sia in ambito nazionale che internazionale, le quali però richiedono del tempo per poter essere completamente sviluppate. Per questo motivo abbiamo deciso di non fare alcun annuncio in chiave 2018".

Si prospettano quindi delle novità interessanti per il futuro del campionato e tra le opzioni più gettonate ci sono i ritorni in due location toccate a lungo dal vecchio campionato CART: Portland nell'Oregon e Surfers Paradise sulla Gold Coast australiana.

Immagine di copertina da https://twitter.com/IndyCar


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.