Alessandro Secchi

SEVEN I coccodrilli e i sempre contro sudano. E' dura per Schumi, ma è ancora lì

di 31 dicembre 2013, 12:58
I coccodrilli e i sempre contro sudano. E' dura per Schumi, ma è ancora lì

Dev'essere difficile, per i giornalisti di professione, scrivere un coccodrillo. I coccodrilli sono i necrologi in anticipo, specialmente dedicati a personaggi famosi, preparati specialmente se sono anziani o nell'imminenza della scomparsa.

Ecco, io non ce la farei mai a scrivere della morte di qualcuno quando ancora non è morto. Eppure è pratica che si usa eccome. Altrimenti come potrebbero uscire interi speciali di millemila pagine appena dopo la dipartita di questo o quel personaggio?

Detto questo, di necrologi sullo zio Schumi se ne leggono da due giorni e sinceramente se ne hanno anche piene le scatole. Probabilmente ne ha piene anche lui, visto il leggerissimo miglioramento delle sue condizioni come a dire "oh, porta sfiga che non siete altro, io sono ancora qui"

La notizia, inoltre, di come sarebbe avvenuto davvero l'incidente

questa sì che mi fa sorridere. Sempre da due giorni si parla della spericolatezza di un padre che mette a rischio la sicurezza propria e del proprio figlio, andando fuori pista in chissà quali percorsi proibitivi, per il gusto di provare ancora il brivido dell'adrenalina. Tutto ovviamente senza sapere nulla nè di come fossero andate le cose nè che Schumacher ha sempre guardato alla sicurezza con un occhio di riguardo già quando correva, figuriamoci nella sfera personale e con un figlio accanto.

Ecco, questo voler a tutti i costi trovare una scusa per mettere la croce sopra (in tutti i sensi) a questo o quel personaggio per vendere qualche copia o qualche abbonamento in più mi fa tremendamente incazzare. Perchè non si ha rispetto nè delle persone coinvolte nè di chi le supporta.

Anche per questo sarebbe bello che, un giorno, con la dovuta calma, Michael si alzasse da quel letto per far piangere i coccodrilli e mettere a tacere, ancora una volta, i sempre contro.

Un minimo segnale l'ha dato. Ma la strada è ancora lunga e difficile.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

1 commento

Prendi parte alla discussione
  1. Griforosso
    #1 Griforosso 1 gennaio, 2014, 01:37

    Difficile aggiungere qualcosa. Il dispiacere e l'emozione mi svuotano il cervello. Non so se esiste un Dio. Credo in altre cose. Alla Natura chiedo di non privarsi di un figlio tanto prezioso. Delle persone che scrivono tutte quelle sciocchezze e che sono prive anche del minimo sindacale di sensibilità ed intelligenza non rispondo. Darei loro eccessiva importanza. Ed è quello che cercano. Un lampo di notorietà per poi ricadere nel Nulla Assoluto. A Schumy posso solo dire BUON FORTUNA E A PRESTO. La forza e la determinazione per lottare non gli mancano. Un abbraccio da ferrarista a Lui, alla Moglie ed ai Suoi Figli.

Solo gli utenti registrati possono commentare.