GP2 Sochi: vittoria col giallo per Stanaway, Vandoorne campione

di 11 ottobre 2015, 11:00
GP2 Sochi: vittoria col giallo per Stanaway, Vandoorne campione

Il weekend di Sochi della GP2 si è concluso con la vittoria di Richie Stanaway in gara-2 davanti a Rio Haryanto e a Raffaele Marciello, al suo terzo podio stagionale. Si tratta però di una vittoria...col giallo a causa di quanto accaduto nelle fasi finali della gara.

Nel corso del penultimo giro Johnny Cecotto è andato a sbattere violentemente alla curva 3 distruggendo la sua vettura; il direttore di gara ha quindi deciso di mandare in pista la Safety Car, congelando così le posizioni, ma contemporaneamente Haryanto ha scavalcato Stanaway nel rettilineo opposto ai box; pochi secondi dopo Stanaway ha risposto riprendendosi di forza la posizione sull'indonesiano, che nel frattempo aveva giustamente rallentato. Le immagini non televisive non hanno chiarito se il sorpasso di Haryanto fosse stato completato al momento dell'esposizione del pannello "SC", così come non hanno chiarito se il pilota del team Campos abbia fatto volutamente passare Stanaway oppure no.

Terzo posto per Raffaele Marciello, non velocissimo in partenza ma abile a sfruttare a suo vantaggio i vari episodi avvenuti nel corso della gara, come un errore di Pierre Gasly che gli ha regalato una posizione, e un bel sorpasso su Arthur Pic alla prima staccata.

Il vero protagonista di giornata è però il quarto classificato, perché Stoffel Vandoorne ha finalmente fatto suo il titolo di Campione GP2 2015.

Scattato abbastanza bene dalla griglia, il belga ha allungato la staccata finendo lungo e scivolando così in sesta posizione, la stessa in cui era partito. La sua è stata una gara in tandem con quella di Marciello, visto che il belga ha seguito da vicino l'italiano per tutta la gara: quando Marciello ha approfittato dell'errore di Gasly per scavalcarlo, Vandoorne ha fatto lo stesso; la scena è stata replicata pochi giri dopo, quando Pic è stato scavalcato in sequenza da Marciello prima e da Vandoorne poi. Conquistata la quarta posizione, il pilota della ART non è riuscito ad avere la meglio di quello della Trident, nonostante il suo ritmo fosse migliore, ma alla fine il quarto posto è stato sufficiente per far suo il titolo.

Alle spalle di Vandoorne si è piazzato Pierre Gasly, la cui gara è stata condizionata da un errore nei primi giri a seguito di un tentativo d'attacco nei confronti di Arthur Pic; sesto Alexander Rossi, l'unico pilota che aveva ancora una possibilità matematica di privare Vandoorne del titolo, davanti a Matsushita e a Pic a chiudere la zona punti.

Da segnalare l'undicesimo posto di Lynn, risalito molto bene dopo essere stato costretto a partire dalle retrovie a causa dell'incidente in gara-1 di ieri; solo ventesimo Sirotkin, protagonista di una collisione con Stoneman alla prima staccata che l'ha costretto prima a sostituire il musetto e poi a scontare una penalità. Tra i ritirati, oltre a Cecotto, anche Binder e Stockinger, a loro volta autori di un incidente alla prima staccata.

Con il titolo ormai matematicamente assegnato, la GP2 si appresta ora ad affrontare gli ultimi due eventi stagionali, in Bahrain e ad Abu Dhabi: il prossimo appuntamento è per il weekend del 22 novembre, quando piloti e squadre si troveranno a Sakhir, in concomitanza col mondiale Endurance, per il penultimo round del 2015.

Queste le classifiche di gara-2 e del campionato

gp2gara2

gp2class (2)

Immagine di copertina da gp2series.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.