GP2 Sochi: Jolyon Palmer è il nuovo campione, Marciello sul podio

di 11 ottobre 2014, 16:17
GP2 Sochi: Jolyon Palmer è il nuovo campione, Marciello sul podio

Con la vittoria di gara-1 sulla pista di Sochi, Jolyon Palmer è il decimo campione della GP2 Series. Un titolo conquistato alla quarta stagione nella categoria cadetta, con il record di 19 arrivi a punti in 19 gare: se riuscisse ad ottenerne anche nelle ultime tre gare, il britannico sarebbe il primo ad avere conquistato punti in tutte le corse di una stagione. La stagione dei record si è dunque matematicamente conclusa con un successo, maturato grazie ad una Safety Car in piena finestra pit stop che ha precluso una vittoria altresì meritata a Stoffel Vandoorne.

Dopo la qualifica di ieri, l'unico contendente al titolo di Palmer, Felipe Nasr, aveva ricevuto una penalità di tre posizioni per avere ostacolato Stefano Coletti. Il brasiliano della Carlin si è dunque ritrovato in dodicesima piazza. Inoltre, va segnalato che per motivi di consumo di benzina la gara è stata accorciata di due giri.

Ancora prima del via si ferma la Lazarus di Sergio Campana, che già si era qualificato in ultima posizione. Al semaforo verde il più lesto è Takuya Izawa, che scatta ottimamente dalla terza posizione bruciando sia Vandoorne che Pic. Il belga tuttavia riesce a sopravanzare il compagno di squadra già alla prima staccata, imitato poco da Palmer e dallo stesso Pic. Anche Nasr guadagna sei posizioni nel corso del primo giro, ma la giuria riterrà scorretto il suo passaggio alla prima curva, fuori dai limiti del tracciato, penalizzandolo con un drive through.

Alle spalle del quartetto di testa, ecco Evans, Marciello, Nasr, Coletti, Negrão e Canamasas, autori di un grande numero di sorpassi (anche ai limiti del regolamento sportivo) durante la prima tornata.

La situazione si congela fino alla sesta tornata, eccezion fatta per il sorpasso di Abt su Canamasas. Al termine del sesto passaggio infatti rientra Pic, autore peraltro di una sosta non impeccabile. Passa un giro e Nasr riceve la suddetta penalità.

All'ottavo giro Stefano Coletti è costretto a fermarsi lungo il tracciato con la sua Dallara in panne. Entra la Safety Car e la gran parte del plotone rientra ai box per la sosta obbligatoria. La sfortuna colpisce proprio il leader incontrastato fino a quel punto, Vandoorne: il cartello di neutralizzazione viene esposto mentre il belga affronta l'ultima curva, e il richiamo dai box via radio arriva troppo tardi. Il duo della ART Grand Prix prosegue dunque al comando in regime di Safety Car.

Nel corso dei quattro giri di "congelamento" della gara, Nasr decide di scontare la propria penalità, cosa vietata dal regolamento. Immediato è il secondo drive through ai danni del sudamericano, che oltre a ritrovarsi ultimo deve perdere ulteriore tempo in pit lane.

Alla ripartenza Izawa si difende in maniera molto discutibile dall'attacco di Ellinas, peraltro senza successo. Il giapponese si ritrova fuori traiettoria alla prima "esse" e perde moltissime posizioni. Alle spalle di Vandoorne troviamo ora Markelov, Richelmi, Ellinas e Haryanto, tra quelli che devono ancora effettuare la sosta. Palmer invece comanda il gruppo di quelli già rientrati, davanti ad Evans, Marciello (preceduto anche da Cecotto) e Negrão.

In pochi giri Palmer ed Evans si liberano di Ellinas e Haryanto, ritrovandosi alle spalle dei loro compagni di squadra Markelov e Richelmi. Il monegasco della DAMS si ferma al diciannovesimo giro, preceduto da Haryanto.

Vandoorne mantiene un passo insostenibile nel tentativo di limitare i danni il più possibile, rifilando costantemente distacchi nell'ordine dei cinque-otto decimi all'intero gruppo. Al ventiquattresimo giro, il pilota del vivaio McLaren rientra ai box, riprendendo la via della pista in settima posizione (divenuta sesta dopo il pit di Ellinas).

Nel frattempo, Evans minaccia da vicino la leadership (e di conseguenza la conquista del titolo) di Palmer, con scambi di giro veloce a ripetizione. Il britannico riesce comunque a resistere agli attacchi del neozelandese vincendo la sua quarta gara della stagione. Raffaele Marciello ottiene la terza posizione davanti a Pic e a Vandoorne, con quest'ultimo che riesce ad avere ragione di Negrão. Completano la zona punti Canamasas, Leal, Sørensen e Berthon. Solo diciottesimo Nasr, con due penalità sulle spalle oltre a quella ricevuta in qualifica.

La sprint race di domani scatterà alle 10:05, con diretta su SkySport F1.

Classifica:

1 Jolyon Palmer DAMS 28 giri in 54:37.072
2 Mitchell Evans Russian Time 1.267
3 Raffaele Marciello Racing Engineering 15.584
4 Arthur Pic Campos Racing 17.550
5 Stoffel Vandoorne ART Grand Prix 18.104
6 André Negrão Arden International 23.154
7 Sergio Canamasas Trident Racing 28.231
8 Julián Leal Carlin Motorsport 29.382
9 Marco Sørensen MP Motorsport 29.493
10 Nathanaël Berthon Venezuela GP Lazarus 31.332
11 Pierre Gasly Caterham Racing 31.649
12 Jon Lancaster Hilmer Motorsport 32.080
13 Kimiya Sato Campos Racing 32.740
14 Daniël de Jong MP Motorsport 35.710
15 Simon Trummer Rapax Team 36.423
16 Artem Markelov Russian Time 37.391
17 Stéphane Richelmi DAMS 41.013
18 Felipe Nasr Carlin Motorsport 43.287
19 Rio Haryanto Caterham Racing 45.167
20 Johnny Cecotto Jr. Trident Racing 45.575
21 Takuya Izawa ART Grand Prix 52.339
22 Tio Ellinas Rapax Team 56.444
23 René Binder Arden International 1:03.449
Ret Daniel Abt Hilmer Motorsport 7 giri
Ret Stefano Coletti Racing Engineering 21 giri
Ret Sergio Campana Venezuela GP Lazarus 28 giri

COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.