GP2 Giovinazzi vince a Baku, terzo Marciello

di 18 giugno 2016, 11:32 203 visualizzazioni
GP2 | Giovinazzi vince a Baku, terzo Marciello

È una grande Italia quella che si è vista a Baku nella prima delle due gare della GP2 di questo weekend: Antonio Giovinazzi ha vinto con grande autorità gara-1 e Raffaele Marciello ha chiuso in terza posizione, beffato proprio sul traguardo da Sergey Sirotkin dopo essere stato in seconda posizione per gran parte della gara. Rowland ha chiuso al quarto posto davanti a Evans, Matsushita, Gelael e De Jong. Solo nono Luca Ghiotto, che per soli tre decimi ha mancato la posizione che gli avrebbe consentito di prendere il via dalla pole position domani.

Partito male dalla prima posizione, Giovinazzi si è fatto strada attraverso le prime posizioni giro dopo giro, mostrando un passo inarrivabile per tutti gli altri. Appena conquistata la testa della gara, il pilota pugliese ha subito scavalcato un solco profondo nei confronti di Raffaele Marciello, guadagnando due secondi in un solo giro. C'è rammarico invece per il pilota italiano della Russian Time, superato in volata da Sirotkin proprio all'ultimo giro grazie alla lunga scia offerta nel rettilineo da 2 km che precede il traguardo.

La gara è stata condizionata da ben quattro neutralizzazioni, la prima delle quali pochi secondi dopo il via quando Gasly ha toccato Nato alla prima curva spedendolo in testacoda; nel parapiglia che ne è seguito Canamasas ha tamponato proprio il pilota francese del Red Bull Junior Team, mentre più indietro le due DAMS di Lynn, Kirchhofer Latifi hanno a loro volta chiuso la gara alla prima curva. In totale sono stati ben quattro i piloti che hanno chiuso la gara alla prima staccata: le due DAMS, Kirchhofer, Gasly e Canamasas, mentre Nato è riuscito comunque a ripartire.

Si è quindi ripartiti con Marciello al comando davanti a Matsushita, ma nei giri successivi i lunghi rettilinei di Baku hanno permesso un continuo scambio di posizioni tra i due. Al sesto giro nuova neutralizzazione a causa dell'incidente di Philo Paz Armand in curva 1: la contemporanea apertura della pit lane ha permesso alla gran parte dei piloti di effettuare subito il cambio gomme obbligatorio per passare dalla mescola morbida a quella più dura, ma all'uscita della pit lane le posizioni non sono cambiate: Marciello si trovava al comando (tra i piloti che erano rientrati ai box) davanti a Matsushita, Rowland e Giovinazzi.

Alla ripartenza ecco subito un altro incidente, protagonisti Pic e Markelov: entrambi i piloti sono costretti a parcheggiare le rispettive vetture a bordo pista e la SC fa nuovamente il suo ingresso sul tracciato. Alla successiva ripartenza Matsushita supera Jeffri, che era tra i piloti a non essersi fermati in precedenza, ma alla staccata della curva-1 arriva lungo e Rowland scavalca entrambi portandosi in seconda posizione; al giro successivo Giovinazzi si porta in terza posizione scavalcando Jeffri e Matsushita, imitato il giro dopo da Luca Ghiotto.

Al 14° giro Giovinazzi supera Rowland mentre Ghiotto deve iniziare a difendersi dalle due ART, che si avvicinano a gran velocità. Al 16° giro Sirotkin scavalca il compagno di squadra Matsushita e al passaggio successivo si libera anche di Ghiotto. Al 18° giro si verifica la manovra decisiva della gara, con Giovinazzi che scavalca Marciello in fondo al rettilineo del traguardo prendendo immediatamente il largo nei suoi confronti.

19° giro: nuova neutralizzazione, questa volta causata dai due piloti della Racing Engineering. King ha stretto contro il muro Norman Nato, che si è così trovato senza sospensione anteriore destra. La neutralizzazione questa volta è particolarmente lunga e al momento della bandiera verde manca solamente un minuto allo scadere dell'ora di gara, tempo massimo previsto per gara-1: Giovinazzi si difende benissimo negli ultimi due giri e lo stesso fa Marciello, che però proprio all'ultimo deve cedere di fronte all'attacco di Sirotkin.

I 21 giri di gara-2 si disputeranno domani a partire dalle 12, ora italiana.

Classifiche:

gp2g1eur

Immagine copertina: gp2series.com




Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.