GP2 Abu Dhabi: Coletti chiude la stagione, Vandoorne vice-campione

di 23 novembre 2014, 17:19
GP2 Abu Dhabi: Coletti chiude la stagione, Vandoorne vice-campione

Si è conclusa con una vittoria di Stefano Coletti la decima edizione della GP2 Series. Il monegasco si è imposto nella sprint race di Abu Dhabi, una gara davvero priva di emozioni e decisasi tra il primo e gli ultimi tre giri. Sul podio sono saliti anche Felipe Nasr, all'ultima gara nella serie cadetta, e Arthur Pic, invece già confermato dal team Campos per il 2015. Stoffel Vandoorne grazie al quinto posto ha terminato in seconda posizione nella classifica generale, esattamente come successo l'anno passato nella Formula Renault. Primo (e quindi unico) ritiro della stagione per il neo campione Jolyon Palmer, che quindi termina il 2014 con venti arrivi a punti in ventidue gare.

Dopo la gara di ieri, Sergio Canamasas è stato penalizzato di venti secondi per avere guadagnato irregolarmente una posizione senza restituirla. Sanzione anche per René Binder, ritenuto colpevole dell'incidente al primo giro con Lancaster e costretto quindi a partire dai box.

Stefano Coletti scatta bene dalla seconda posizione in griglia, bruciando Arthur Pic, mentre Nasr si libera agilmente dell'intera seconda fila, che comprendeva Cecotto Jr. e Richelmi. Il brasiliano si posiziona in scia a Pic, superandolo sul rettilineo che conduce alla curva 11 per la seconda piazza.

Ed è proprio alla curva 11 che termina la gara di Jolyon Palmer: nel tentativo di attaccare Evans all'interno, l'inglese finisce in testacoda e spegne il motore. Primo ritiro della stagione e secondo "zero", arrivati però entrambi a titolo già vinto. Nel complesso, una stagione corsa con grande regolarità e bravura da parte del figlio d'arte.

Buono start anche per Raffaele Marciello, che oltre ai ritiri di Palmer e de Jong scavalca anche Haryanto portandosi in ottava posizione. Davanti a lui proprio Evans e Vandoorne, mentre alle sue spalle vi sono Canamasas e Izawa.

La gara non offre altro che un solo sorpasso nelle retrovie per i successivi diciassette giri. Il "coraggioso" è il rookie Nicholas Latifi, che al nono giro supera Artem Markelov per la diciottesima posizione.

Un crollo di gomme inaspettato colpisce la Trident di Johnny Cecotto Jr., e la corsa si ravviva nelle ultime tornate. Al diciannovesimo giro, il venezuelano si ritrova in mezzo tra Evans e Richelmi, che lo superano alla curva 11 tagliando la chicane. Il neozelandese rallenta e restituisce la posizione, mentre il monegasco tira dritto e guadagna la quarta posizione. I problemi di Cecotto Jr. tuttavia proseguono, e alla stessa curva nel giro successivo anche Evans riesce definitivamente a passare. Al penultimo giro è il turno di Stoffel Vandoorne, che ottiene la sesta posizione con una grande staccata alla curva 8.

Coletti non commette errori e vince la sua settima gara in carriera in GP2, seconda della stagione dopo la travagliata sprint di Hockenheim. Nasr e Pic completano il podio davanti a Richelmi, Evans, Vandoorne, Cecotto Jr. e Marciello, che attacca ripetutamente il venezuelano durante l'ultimo giro senza riuscire a guadagnare la posizione. Dopo la gara, Richelmi viene penalizzato di venti secondi per il suddetto taglio di chicane, retrocedendo in nona posizione con Canamasas che conquista così l'ultimo punto a disposizione.

Il 2014 va in archivio con Palmer indiscusso campione e Vandoorne secondo per appena cinque lunghezze su Nasr. Top five completata da Evans e Cecotto Jr., mentre Marciello termina all'ottavo posto un campionato parecchio sfortunato ma nel quale ha mostrato anche margini di miglioramento. DAMS vince il titolo team davanti a Carlin ed ART, sesto posto per la Trident, nono per la Rapax e tredicesimo (ed ultimo) per la Lazarus in casa Italia.

Il campionato 2015 conserverà la sua concomitanza con la Formula 1, dunque pur non avendo un calendario annunciato il campionato dovrebbe iniziare il weekend del 5 aprile in Bahrain. La novità principale della stagione sarà l'introduzione del DRS sul modello della categoria regina.

Risultati:

1 Stefano Coletti Racing Engineering 22 giri in 41:37.752
2 Felipe Nasr Carlin Motorsport 3.787
3 Arthur Pic Campos Racing 5.357
4 Mitchell Evans Russian Time 12.701
5 Stoffel Vandoorne ART Grand Prix 13.764
6 Johnny Cecotto Jr. Trident Racing 18.708
7 Raffaele Marciello Racing Engineering 19.217
8 Sergio Canamasas Trident Racing 24.383
9 Stéphane Richelmi DAMS 29.288
10 Takuya Izawa ART Grand Prix 29.345
11 Julián Leal Carlin Motorsport 29.608
12 Rio Haryanto Caterham Racing 30.191
13 Nathanaël Berthon Venezuela GP Lazarus 30.561
14 Jon Lancaster Hilmer Motorsport 36.411
15 Conor Daly Venezuela GP Lazarus 36.817
16 Simon Trummer Rapax Team 37.962
17 Nicholas Latifi Hilmer Motorsport 41.580
18 Pierre Gasly Caterham Racing 42.156
19 Artem Markelov Russian Time 44.492
20 Kevin Giovesi Rapax Team 46.210
21 Marco Sørensen MP Motorsport 47.308
22 Kimiya Sato Campos Racing 47.687
23 René Binder Arden International 48.331
24 André Negrão Arden International 53.145
Ret Jolyon Palmer DAMS 22 giri
Ret Daniël de Jong MP Motorsport 22 giri

Classifica finale:

1 Jolyon Palmer 276
2 Stoffel Vandoorne 229
3 Felipe Nasr 224
4 Mitchell Evans 174
5 Johnny Cecotto Jr. 140
6 Stefano Coletti 136
7 Arthur Pic 124
8 Raffaele Marciello 74
9 Stéphane Richelmi 73
10 Julián Leal 68
11 Marco Sørensen 47
12 André Negrão 31
13 Adrian Quaife-Hobbs 30
14 Sergio Canamasas 29
15 Rio Haryanto 28
16 Daniel Abt 27
17 Simon Trummer 26
18 Takuya Izawa 26
19 Tom Dillmann 18
20 Nathanaël Berthon 17
21 Alexander Rossi 12
22 Efithios Ellinas 7
23 Jon Lancaster 6
24 Artem Markelov 6
25 René Binder 3
26 Conor Daly 2
27 Kimiya Sato 2
28 Daniël de Jong 2

COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.