GP degli Stati Uniti: la conferenza dei piloti

di 31 ottobre 2014, 19:51
GP degli Stati Uniti: la conferenza dei piloti

I presenti alla consueta conferenza del giovedì erano Esteban Gutierrez (Sauber), Sergio Perez (Force India), Valtteri Bottas (Williams), Romain Grosjean (Lotus), Daniel Ricciardo (Red Bull Racing), Lewis Hamilton (Mercedes)

Lewis, ti senti più in controllo della situazione?

Lewis HamiltonNon è cambiato molto dalle ultime gare, a dire il vero. Come continuo a dire: devo continuare a lottare e inseguire l'obiettivo finale.

Daniel, la Red Bull ha messo in chiaro che sei il nuovo leader della Red Bull nel 2015. Ora tocca a te. Quant'è grande la 'minaccia Kvyat' per te?

Daniel Ricciardo: Mi sento ancora un po' giovane per questo compito nel team, ma sarò "il più vecchio" l'anno prossimo. Conosco Daniil, lo conosco bene da qualche anno. Non lo prenderò alla leggera - so che è molto veloce, ma, dato che è ancora inesperto in F1, sono sicuro che darà molto e darà molto al team. Continuerò a lavorare su di me, per migliorare. Non sono ancora al massimo. Sono sicuro che avremo un buon rapporto, già scherziamo molto, e credo che questo senso dell'umorismo rimarrà nel team anche l'anno prossimo.

Valtteri, guardando alle caratteristiche di Austin, sembra essere fatto per le Williams, come altri circuiti quest'anno. La vedete anche voi così? 

Valtteri BottasSì, non dovrebbe andare male, dovremmo essere forti qua. Potrebbe essere difficile essere vicini alle Mercedes come a Sochi, ma dovremmo comunque andare bene. Lotteremo con le Red Bull e le Ferrari.

Romain, hai delle belle notizie, sappiamo che avrai un altro figlio. Alla fine di un anno difficile, una bella notizia per te e tua moglie.

Romain Grosjean: Almeno quello è andato bene! Ho avuto una stagione difficile in termini di risultati, e al di là della Formula 1, ho perso quattro persone a me molto care, come Christophe de Margerie della Total. Per me era importante avere buone notizie.

Sergio, Nico Hulkenberg ha confermato che guiderà per la Force India nel 2015, tu invece, come vanno le trattative?

Sergio Perez: Ci siamo quasi. Voglio stare più a lungo nel team, voglio essere un punto di riferimento, in questi anni in F1 forse mi sono mosso troppo. Voglio un secondo anno con la Force India, spero di fare un annuncio al riguardo presto.


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.