ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC BMW annuncia i suoi piloti per la stagione 2018-2019 Ieri 23:01
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer 13-12
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme 13-12
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
Vai al contenuto
V6DINO

Arrows A8 '85

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Arrows A8 '85.png

DATI GENERALI

Scuderia:    Barclay Arrows BMW
Anno di produzione:    1985
Motore:    BMW M12/13 L4 1499cc, turbo (sviluppato da Heini Mader)
Telaio:     Monoscocca in fibra di carbonio e alluminio
Carburante e lubrificanti:    Valvoline
Pneumatici:    Goodyear
Luogo di Produzione:    Milton Keynes (GBR)
Progettista:    Dave Wass
Impiegata nel:    1985
Piloti:    Gerhard Berger, Thierry Boutsen
    
STATISTICHE    
    
GP Disputati:    16
Miglior risultato:     T.Boutsen 2° posto nel GP SanMarino 1985

 

A8

L'introduzione della fibra di carbonio in luogo dell'ormai vetusto alluminio utilizzato nella A7, costituì senza dubbio la più interessante evoluzione della nuova Arrows A8, disegnata da Dave Wass in vista della stagione 1985. Ed i risultati furono decisamente lusinghieri – fra essi spicca il secondo posto di Boutsen ad Imola – portando costantemente la scuderia nella parte medio-alta dello schieramento, con buone prestazioni specialmente in prova grazie anche alla perizia degli "astri nascenti" Gerhard Berger e Thierry Boutsen, confermato alla guida dopo la stagione precedente. Purtroppo il problema principale della vettura si rivelò la natura "semiufficiale" del motore: il preparatore Heini Mader, benché svolgesse un egregio lavoro, non aveva accesso né alle informazioni, né ai pezzi di ricambio ed alle evoluzioni che erano garantite a Brabham e Benetton seguite dalla casa-madre direttamente. La minor potenza a disposizione limitò quindi le prestazioni di una vettura decisamente riuscita, tanto che fu utilizzata anche nella successiva stagione 1986 a scapito della nuova A9 il cui sviluppo venne accantonato.

A8-1.jpg

A8-2.jpg

A8-3.jpg

A8-4.jpg

     ( Massimo Piciotti )

 

Modificato da V6DINO
  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Secondo Boutsen non era neppure questa troppo riuscita.. Andava molto bene solo dove l'asfalto era molto liscio (non chidetemi perché). Se fu usata al posto dell'A9 fu per quest'ultima fu anche peggio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

×