ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer Ieri 20:08
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme Ieri 0:15
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
WTCR Ufficiale la fusione tra TCR International e WTCC 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Lyncar 006 '74

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Lyncar 006 '74.png

DATI GENERALI

 Scuderia:    Pinch Plant Ltd Racing
Anno di produzione:    1974
Motore:    Ford Cosworth DFV V8 2993cc.   
Telaio:     Monoscocca in alluminio
Carburante e lubrificanti:    Duckhams
Pneumatici:    Goodyear
Luogo di Produzione:    Slough (GBR)
Progettista:    Martin Slater
Impiegata nel:    1974
Piloti:    John Nicholson
    
STATISTICHE    
    
GP Disputati:    1 (+ 2 extra campionato)
Miglior risultato:     

 

Lyncar 006

Martin Slater aveva un atelier a Slough, nel Surrey, dove preparava vetture da corsa occupandosi soprattutto di Formula Junior e cominciando poi a collaborare assiduamente con le scuderie Lola, Brabham e March in qualità di progettista e designer. Dal 1971 Slater, forte della sua esperienza, cominciò anche a costruire vetture in proprio. La Lyncar 001 era una vettura concepita per la F. Atlantic, serie nata in Canada e Nord America ma che divenne presto popolare anche in Europa ed Asia, tanto che proprio quell’anno vide la nascita del Campionato Britannico. John Nicholson, l’altro personaggio-chiave nell’avventura-Lyncar, era soprattutto un esperto preparatore di motori e nei primi anni '70 ebbe la grande occasione di trasferirsi in Inghilterra per lavorare nel settaggio dei Cosworth per la scuderia McLaren in F.1. Grazie a questa circostanza offertagli dalla sua notevole conoscenza meccanica e alla sua amicizia di lunga data con Bruce McLaren, poté coltivare “parallelamente” anche le proprie aspirazioni di pilota affrontando il British Atlantic Championship '71 con una March 702 e dall'anno successivo proprio con le “Lyncar-Nicholson” di cui preparava personalmente i motori. John vinse trionfalmente il Campionato di F. Atlantic nel 1973 e 1974 e Slater continuò ad evolvere le sue vetture costruendone successive diverse versioni fino alla “005”. In vista della stagione 1974, Nicholson convinse Slater a tentare la costruzione di uno chassis anche per la F.1, sfruttando il consueto schema Cosworth-Hewland. Da questo sodalizio nacque la Lyncar 006, vettura con cui Nicholson partecipò agli eventi di F.1 sul suolo inglese nelle stagioni ’74 e ’75 cogliendo anche un interessante sesto posto all'International Trophy a Silverstone. Nel 1976 Nicholson lasciò l’automobilismo per dedicarsi completamente alla sua seconda passione, la motonautica, vendendo la sua Lyncar al pilota spagnolo Emilio de Villota che la utilizzò nelle serie Aurora AFX per le due stagioni successive con discreto successo.

Lyncar 006 (1).jpg

( Massimo Piciotti )

Modificato da V6DINO
  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguirlo  

×