ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC BMW annuncia i suoi piloti per la stagione 2018-2019 15-12
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer 13-12
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme 13-12
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Honda RC F100

Recommended Posts

 

Honda RC F1.png

DATI GENERALI

Scuderia:    Honda R & D
Anno di produzione:    1991-1993
Motore:    Honda RA121E V12 3500cc.    
Telaio:     Monoscocca in fibra di carbonio
Carburante e lubrificanti:    Eneos (Nisseki)
Pneumatici:    Bridgestone
Luogo di Produzione:    Yaesu (JPN)
Progettista:    Ken Hashimoto, Keinosuke Taki 
Impiegata nel:    1993-1994, solo test
Piloti:    Ken Hashimoto, Keinosuke Taki, Satoru Nakajima
    
STATISTICHE    
    
GP Disputati:    0 (solo Test)

 

Anno di produzione: 1993 – 1994

Luogo di produzione: Tokyo, Giappone

Designer: Ken Hashimoto, Keinosuke Taki, Honda R&D Group

Esemplari costruiti: 3

Esordio in Campionato: -

 

Nel 1992 la Honda Motor Company aveva già annunciato la sua uscita dalla F.1 dopo un decennio di successi ed il suo intento di dedicarsi completamente alle competizioni americane Indy. Eppure c'era una parte dell'azienda che non si lasciò fermare da questa decisione: nell'areaResearch & Development della casa nipponica, una parte del budget aziendale era messo a disposizione degli ingegneri che ne facevano parte per favorire lo sviluppo di progetti "personali" – beninteso, da svilupparsi al di fuori degli orari di lavoro – allo scopo di mantenere alta la motivazione e la "soddisfazione creativa". Fu così che un gruppo di ingegneri colse al volo quest'occasione per costruire una vettura "laboratorio" di F.1, con la segreta speranza di riportare in pista il marchio Honda come costruttore dopo quasi venticinque anni di assenza. Nacque così quella che i giornali dell'epoca battezzarono la Honda "after hours", ovvero il progetto "RC100", vettura dalla linea piuttosto tradizionale per l'epoca ed ispirata alla coeva Footwork, dotata dell'ultimo motore Honda 12 cilindri disponibile ed utilizzato dalla McLaren nel 1992. Terminata nel 1993, la prima RC100 – detta anche RC-F1 1.0X – superò il crash-test FIA diventando a tutti gli effetti una vettura iscrivibile al Campionato del Mondo. Una seconda vettura fu costruita in contemporanea alla prima e fu battezzata RC101 o RC-F1 1.5X: terminata a fine '93, fu portata in pista da Satoru Nakajima in una serie di test invernali sulla pista di Suzuka. Un altro test, svoltosi nel gennaio del 1994, vide in pista un terzo esemplare della vettura, questa volta chiamato RC101B o RC-F1 2.0X, ma al termine di quella nuova sessione il progetto fu definitivamente chiuso ed archiviato senza mai essere riuscito a trasformarsi in un "ufficiale" impegno della casa. Le tre Honda "clandestine" sono ora conservate nella Honda Collection Hall di Tokyo.

 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguirlo  

×