ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC BMW annuncia i suoi piloti per la stagione 2018-2019 15-12
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer 13-12
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme 13-12
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Honda RA272

Recommended Posts

 

Honda RA272 -1965-.jpg

DATI GENERALI

Scuderia:    Honda R&D Company
Anno di produzione:    1965
Motore:    Honda RA272E V12 1495cc.    
Telaio:     Monoscocca in alluminio
Carburante e lubrificanti:    BP
Pneumatici:    Goodyear
Luogo di Produzione:    Yaesu (JPN)
Progettista:    Yoshio Nakamura, Shoichi Sano 
Impiegata nel:    1965
Piloti:    Richie Ginther, Ronnie Bucknum
    
STATISTICHE    
    
GP Disputati:    9
Vittorie:    1
Podi:    0
Pole Position:    0
Giri Più Veloci:    0
Miglior risultato:     6° posto nel Campionato Costruttori

 

RA272

 

Anno di produzione: 1965

Luogo di produzione: Tokyo, Giappone

Designer: Yoshio Nakamura, Shoichi Sano

Esemplari costruiti: 3

 

La Honda RA272 è una vettura storica per il motorismo giapponese: con essa infatti Ritchie Ginther vinse il Gran Premio del Messico 1965 regalando al Sol Levante la prima vittoria nella storia della F.1 di una propria vettura , evento che anche negli anni a venire sarà assai raro e riservato proprio alla sola Honda. Una vittoria attesa ed insperata, come evidenziato dal fatto che la campagna di marketing che accompagnò il lancio dell'avventura Honda in F.1 aveva come slogan "The impossible dream", ovvero Il sogno impossibile. Anche dal punto di vista tecnico, la RA272 era assai innovativa: montava un propulsore V12 capace di una coppia fortissima e di un regime di rotazione che toccava i 14.000 giri al minuto, valore elevatissimo per quei tempi e che permetteva alla macchina una accelerazione bruciante, grazie alla quale aveva spesso partenze velocissime che non di rado la videro in testa alla prima curva. Il rovescio della medaglia era il peso e la scarsa maneggevolezza della vettura che finirono spesso per penalizzarla.

Honda RA272.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Monaco...

iSVBx4E.jpg

gLZDveB.jpg

CxdY5E8.jpg

n9ph7BW.jpg

pdrcDgL.jpg

Gz5DCK8.jpg

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

MVrTyMY.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Accedi per seguirlo  

×