ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer Ieri 20:08
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme Ieri 0:15
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
WTCR Ufficiale la fusione tra TCR International e WTCC 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Eagle T1G

Recommended Posts

Eagle T1G.jpg

DATI GENERALI

Scuderia:    Anglo American Racers
Anno di produzione:    1966
Motore:    Gurney-Weslake 58 V12 2997cc.    
Telaio:     Monoscocca in alluminio e magnesio
Carburante e lubrificanti:    Castrol
Pneumatici:    Goodyear
Luogo di Produzione: Rye,Sussex,(GBR)    
Progettista:    Len Terry
Impiegata nel:    1966-1967-1968
Piloti:    Dan Gurney, Bob Bondurant, Richie Ginther, Ludovico Scarfiotti, Bruce McLaren
    
STATISTICHE    
    
GP Disputati:    18
Vittorie:    1
Podi:    1
Pole Position:    0
Giri Più Veloci:    2
Miglior risultato:     7° posto nel Campionato Costruttori 1967

 

Nel corso del '66 Dan Gurney e Len Terry presentarono una seconda versione della loro monoposto con l'atteso motore progettato dall'ex-motorista scaricato dalla Lotus Harry Weslake. Fu con questa vettura – che in alcuni testi non è distinta dalla "T1F" e viene definita Mk1 – che Dan Gurney emulò le gesta di Jack Brabham e Bruce McLaren, cogliendo la prima ed unica vittoria da pilota-costruttore a Spa nel 1967. Accanto alla versione F.1, la Eagle ne costruì anche una versione "gemella" dedicata all F. Indy, siglata "T2G" e dotata del tradizionale Ford Indy V8. Della t1G furono costruiti tre esemplari: il terzo ed ultimo era costruito non con la tradizionale monoscocca in alluminio, ma in una lega in cui l'elemento principale era il leggerissimo magnesio, come la coeva e rivoluzionaria Honda RA302. Gurney era dubbioso e giudicava quel materiale che stava diffondendosi rapidamente in F1 come molto pericoloso per la sua infiammabilità, tanto che un giorno commentò che girare con la sua AAR-104 era come "guidare una sigaretta accesa". Quando Jo Schlesser con la vettura nipponica morì in un drammatico rogo al GP di Francia 1968, Gurney si convinse a fare quanto già stata meditando e cioè limitare l'attività della Eagle alle corse statunitensi a partire dal 1969.

 

Eagle T1G - 1.jpg

Eagle T1G - 2.jpg

 

 

 

 

 

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

tumblr_nq8zpt9FoK1thdnd3o1_1280.jpg

Penso che questa sia l'immagine che meglio rappresenta questa splendida vettura di F1 (Zandvoort 1967).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Accedi per seguirlo  

×