ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer Ieri 20:08
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme Ieri 0:15
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
WTCR Ufficiale la fusione tra TCR International e WTCC 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Eagle T1F

Recommended Posts

 

Eagle T1F Climax.jpg

DATI GENERALI

Scuderia:    Anglo American Racers
Anno di produzione:    1966
Motore:    Coventry Climax FPF L4 2700cc.    
Telaio:     Monoscocca in alluminio e magnesio
Carburante e lubrificanti:    Shell
Pneumatici:    Goodyear
Luogo di Produzione:  Rye, Sussex,(GBR)  
Progettista:    Len Terry
Impiegata nel:    1966-1967
Piloti:    Dan Gurney, Bob Bondurant, Phil Hill
    
STATISTICHE    
    
GP Disputati:    10
Miglior risultato:     5° posto in 2 GP nel 1966

 

Eagle T1F.jpg

 

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

EAGLE
Fondatore: Dan Gurney & Carrol Shelby
Anno di Fondazione: 1964
Sede: Rye, Sussex, Inghilterra (AAR F.1),  Santa Ana, California (AAR, America)
Team Owner: Dan Gurney
 
Sulle orme degli illustri colleghi Jack Brabham e Bruce McLaren, anche Dan Gurney decise di intraprendere a metà degli anni 60 una carriera da costruttore e per questo strinse alleanza con l'ex-pilota, manager e progettista Carrol Shelby, uno dei personaggi più importanti nella storia del motorismo americano. I due costituirono la All American Racers con sede in California per sviluppare una vettura da presentare alla 500 Miglia di Indianapolis del 1966 dopo aver gestito una Lotus 38 nell'edizione precedente. La "T2G" Indy fu sviluppata contemporaneamente alla "T1F" di F.1 commissionata all'ex tecnico BRM Len Terry e costruita nella base britannica della Scuderia nel Sussex, battezzata Anglo American Racers. Nacquero così le Eagle, uniche vetture americane a correre in F.1 negli anni '60 se si eccettua la meteora Scarab ad inizio decennio. Dopo gli inizi difficili che caratterizzano ogni nuova iniziativa, la Eagle e Gurney acquisirono sempre più competitività e dimestichezza con la zona punti anche grazie al motore V12 progettato da Harry Weslake nella sua officina Elva e precedentemente scartato dalla BRM. Dan Gurney, come Brabham e McLaren, ebbe la straordinaria soddisfazione di vincere con la vettura da lui costruita il Gran Premio del Belgio 1967 nella stagione che fu la migliore della carriera della Eagle. Lasciata la F.1 dopo la stagione '68, la Eagle e Gurney continuarono la loro intensa attività in terra americana diventando una delle scuderie più vittoriose e titolate della intera storia della Formula USAC e CART. In pista fino al 1987, la Eagle ha vinto 51 Gran Premi in quella categoria specialmente con quello che fu il suo maggiore alfiere in pista dopo il ritiro di Gurney, ovvero Bobby Unser. Fra queste vittorie, anche tre edizioni della 500 Miglia di Indianapolis, due con lo stesso Unser – '68 e '85 – ed una nel 1973 con Gordon Johncock. Dopo un breve tentativo di rilancio fra il 1996 ed il 1999 con la collaborazione della Toyota ma senza risultati di rilievo, la All American Racers ha chiuso definitivamente i battenti.

( Massimo P )

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

GP del Belgio 1966 (Spa-Francorchamps)

15212fa7fdc1f5b0fe1ea24e8cc78139.jpg

Il debutto.

f0f9679e5df72d5a81c7063af348eb43.jpg

Dan Gurney impegnato alla 'Source'.

 

  • Like 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Accedi per seguirlo  

×