ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer Ieri 20:08
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme Ieri 0:15
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
WTCR Ufficiale la fusione tra TCR International e WTCC 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Lancia D50

Recommended Posts

Lancia D50 '54 v8 2,5lt..jpg

DATI GENERALI

Scuderia  Scuderia Lancia
Anno di produzione  1954
Motore  Lancia DS50 V8 2485 cc   
Telaio  Traliccio tubolare in acciaio
Carburante e lubrificanti  Shell
Pneumatici  Pirelli
Luogo di produzione  Torino google.maps
Progettista  Vittorio Jano
Impiegata nel  1954 e 1955
Piloti  Alberto Ascari, Luigi Villoresi, Eugenio Castellotti, Louis Chiron, 
           Mike Hawthorn e Giuseppe Farina

STATISTICHE
GP Disputati  5 (+4 fuori campionato)  
Vittorie  0 (+2 fuori campionato)
Podi  1 (+6 fuori campionato)
Pole Position  2
Giri Più Veloci  1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Auto fantastica, con concetti molto moderni. Non raggiunse mai però la perfetta messa a punto. Era tormentata da problemi ai freni, difficoltà d'assetto, inaffidabilità del motore. Andava guidata diversamente dalle altre monoposto: non scivolava, abbisognava di una guida molto precisa, visto il passo estremamente limitato.

Ascari era l'unico in grado di domarla: impressionante il fatto che in tutte le gare del 1955 Alberto fosse in testa con la D50 fino alla vittoria o all'insorgere di problemi. Era in testa, Mercedes presenti, nel GP d'Argentina, e lo fu virtualmente pure a Monaco, in una gara difficile con problemi di freni, finché non finì in acqua.

Il concetto-guida era ottenere una vettura raccolta, con un basso baricentro. Per ottenerlo Jano e collaboratori realizzarono un V8 inclinato di 12 gradi, in modo da permettere il posizionamento del pilota in basso, con l'albero motore che correva di fianco. I serbatoi erano ai lati, in modo tale da ottenere una macchina sempre neutra, con comportamento costante da inizio a fine gara. L'idea originale pare fosse di Gianni Lancia, che prevedeva anche un ruolo migliorativo nell'aerodinamica; con suo grosso dispiacere i radiatori olio dal GP di Monaco vennero posizionati tra pance e corpo macchina, creando così un muro aerodinamico a rovinare il flusso altrimenti pulito che vi scorreva nel mezzo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Qui un pdf con la coinvolgente storia della nascita ed evoluzione della D50. Consigliatissimo.

L'autore spara alzo zero contro Jano, definendolo intralcio e uomo di poche idee...:huh:

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Accedi per seguirlo  

×