ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer Ieri 20:08
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme Ieri 0:15
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
WTCR Ufficiale la fusione tra TCR International e WTCC 6-12
Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
V6DINO

Emeryson 56

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Emeryson 56.jpg

DATI GENERALI

Scuderia  Emeryson Cars
Anno di produzione  1956
Motore  Alta GP L4 2472 cc   
Telaio  Portante a longheroni e traverse  
Pneumatici  Dunlop
Luogo di produzione  Londra (GBR) google.maps
Progettista  Paul Emery
Impiegata nel  1956 e 1958
Piloti  Paul Emery

Statistiche
GP Disputati  1 (+5 fuori campionato)
Miglior risultato    
Vittorie  0

 

Emeryson 56

La prima "creatura" di George e Paul Emery, era una "special" costruita nel 1947 in configurazione da Formula Uno con gli scarsi mezzi economici di cui disponevano i due. La vettura debuttò in una gara "open" sul circuito di Douglas, sull'Isola di Man, nell'agosto di quell'anno guidata da Eric Winterbottom e spinta da un vecchio motore Lagonda Rapier 1087cc sovralimentato datato 1934. Successivamente il propulsore fu sostituito da un potentissimo Duesenberg a otto carburatori proveniente da una vettura precedentemente utilizzata dal noto pilota dell'anteguerra Whitney Straight. Bobby Baird divenne il pilota "scelto" degli Emery ma i risultati furono poco incoraggianti anche nella successiva stagione. Sei anni dopo, dopo aver ottenuto un discreto successo con la Emeryson 500 in F.3 nei primissimi anni '50, Paul Emery decise di tentare la produzione di una monoposto di F.2, eleggibile anche per la F.1 sfruttando le modifiche dei regolamenti internazionali che avevano "abbassato" il limiti di cilindrata delle due categorie equiparandoli. Emery installò sul telaio di una sua "500" prima il vecchio propulsore Alta F2, sostituendolo poi quasi subito con un motore Aston Martin derivato dalle sportcar che lui stesso, con la consueta inventiva, aveva personalmente "ridotto" a 2 litri per rientrare nelle normative vigenti. Nacque così la "Emeryson Special" che debuttò nel '53 guidata dallo stesso Emery: la vettura è legata alla curiosa circostanza di essere stata affidata a Colin Chapman nell'unica apparizione in un evento di F.1 in veste da pilota del fondatore della Lotus durante l'edizione '54 dell'International Trophy a Silverstone. La "Special" – a volte anche individuata nelle entry-list come "53" – ebbe vita decisamente lunga e fu costantemente modificata ed evoluta dall'intraprendente Emery, a dispetto dei pochi soldi disponibili. Per questo la si trova iscritta come "Special 54" e "Special 55" negli anni successivi. Nel '54, stante il nuovo innalzamento dei "limiti" di cilindrata a 2,5 litri, Emery sostituì ancora il motore Aston Martin con un potente propulsore Alta GP di fine anni '40 acquistato di seconda mano cui tolse il compressore, non più ammesso in pista, ed elevò la cilindrata a 2471, ai limiti consentiti. Le prestazioni della "Special" crebbero, fino a diventare decisamente competitive nell'ambito nazionale inglese. E' difficile comprendere senza ombre il motivo per cui Paul Emery cominciò, nel 1956, ad iscrivere la sua vettura come "56", senza più il suffisso "Special". E' assai probabile il fatto che la vettura fosse sostanzialmente la stessa del 1955, con un limitato numero di modifiche non sostanziali. Ciò che conta, in effetti, è il fatto che la "56" oltre a segnare il debutto della Emeryson in una gara valida per il Mondiale, fu senza dubbio la vettura che ottenne i migliori risultati fra quelle costruite da Emery, con lusinghieri piazzamenti specialmente negli eventi minori sul suolo britannico. Nel '57 Emery fu "distratto" dal coinvolgimento in altri progetti "paralleli", cosa che gli fece mettere il secondo piano la vettura che aveva costruito. Fece comunque qualche apparizione in pista durante quell'anno e quello successivo: nel '58 sembra anche che avesse tentato di utilizzare al posto dell'Alta, un motore Jaguar derivato sportcar con cui partecipò al Glover Trophy a Goodwood, salvo poi ritornare presto sui suoi passi.

Emeryson 56-1.jpg

Emeryson 56-2.jpg

 

Modificato da V6DINO

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguirlo  

×