ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC BMW annuncia i suoi piloti per la stagione 2018-2019 15-12
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer 13-12
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme 13-12
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
Vai al contenuto
alessandrosecchi

Alfa Romeo 185T | Test

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Alfa_Romeo_185_'86_L4_1,5lt..jpg

DATI GENERALI

Scuderia Euroracing
Anno di produzione 1986
Motore Alfa Romeo 415/85T L4 1500 cc turbo
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Carburante e lubrificanti 
Pneumatici Goodyear
Luogo di produzione Senago (ITA) Google Maps
Progettista Mario Tolentino, John Gentry
Impiegata nel 1986 (solo test)
Piloti Giorgio Francia, René Arnoux

 

185TB

Dopo il definitivo ritiro in veste di costruttore, la Alfa Romeo continuò il suo impegno in F.1 come motorista fino alla fine dell’era turbo, anche se in realtà di un coinvolgimento di basso profilo con la piccola Osella che utilizzò fino al 1988 materiale Alfa datato e con pochissimi aggiornamenti. In realtà ci fu un altro tentativo naufragato presto: nel 1986 Giampaolo Pavanello fece costruire una vettura sperimentale modificando una 185T per provare un nuovo motore turbo da quattro cilindri in linea che avrebbe dovuto equipaggiare la Ligier JS29 per la stagione 1987. La vettura fu provata in diverse sessioni private da Giorgio Francia e René Arnoux fra il luglio ed il novembre del 1986. Il motore fu poi montato sulla Ligier e provato dallo stesso Arnoux e da Piercarlo Ghinzani, ma proprio in quel periodo l’Alfa Romeo fu acquistata dal gruppo Fiat, intorno al quale già gravitava la Ferrari. Le critiche pubbliche di Arnoux al motore e le decisioni della nuova proprietà in Alfa portarono all’abbandono del progetto prima ancora che la stagione iniziasse. La Ligier utilizzò il Megatron e l’Alfa, fatta salva la sua partnership “di basso profilo” con l’Osella, sparì definitivamente dalla F.1

( Massimo Piciotti )

Modificato da V6DINO

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


×