ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer 13-12
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme 13-12
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
WTCR Ufficiale la fusione tra TCR International e WTCC 6-12
Vai al contenuto
alessandrosecchi

Alfa Romeo 184T

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Alfa_Romeo_184_T_'84_v8_1,5lt..jpg

DATI GENERALI
Scuderia
Benetton Team Alfa Romeo
Anno di produzione 1983
Motore Alfa Romeo 890T V8 1496 cc turbo
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio
Carburante e lubrificanti Agip
Pneumatici Goodyear
Luogo di produzione Settimo Milanese (ITA) Google Maps
Progettista Luigi Marmiroli, Mario Tolentino
Impiegata nel 1984 e 1985
Piloti 22 Riccardo Patrese 23 Eddie Cheever

STATISTICHE
GP Disputati 25
Podi 1

184T

Il suicidio sportivo della Alfa Romeo si compie nell’inverno fra il 1983 ed il 1984. Ettore Massacesi, il presidente dell’Alfa che la “traghettò” verso l’ingresso nel gruppo Fiat, decise forse mal consigliato di esautorare l’Autodelta, licenziando Carlo Chiti, e di mettere in mano le sorti del reparto corse a Giampaolo Pavanello e alla sua Euroracing. Per capirci, Pavanello è stato un manager di grande spessore, capace di vincere in F.3 con piloti del calibro di Piercarlo Ghinzani, Mauro Baldi e Michele Alboreto, anche se in F,1 fu pure protagonista del progetto-fiasco Eurobrun. Ma la lotta intestina che aveva minato la scuderia Alfa nei mesi precedenti non fu certo risanata dalla sua “salita al potere” così cruenta. La stagione 1984, dunque, nata sotto i peggiori auspici, nonostante l’ingaggio di due piloti di notevole talento come Riccardo Patrese ed Eddie Cheever fu decisamente deludente, con l’unico risultato di rilievo il terzo posto di Patrese a Monza. Se la 184T fu vettura di medio cabotaggio, la successiva 185T si rivelò disastrosa, tanto che a metà stagione 1985, la vettura dell’anno precedente fu precipitosamente riportata in servizio, senza però giovamento nei risultati.

184-2.jpg

184-3.jpg

( Massimo Piciotti )

Modificato da V6DINO

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


×