ULTIME NEWS
Espandi le news
WEC BMW annuncia i suoi piloti per la stagione 2018-2019 15-12
WEC Rebellion Racing torna in LMP1 ingaggiando Jani e Lotterer 13-12
SEVEN Gomme, gomme, sempre gomme 13-12
SEVEN AAA (Grove) Cercasi seconda guida: no pensionati o fenomeni 12-12
PAROLA DI CORSARO Letterina di Natale a tema Formula 1 9-12
WEC Gli equipaggi Porsche per la prossima 24h di Le Mans 9-12
F1 Felipe Massa entra in FIA come presidente CIK (Commissione Internazionale Karting) 8-12
Jean Todt rieletto presidente FIA per la terza volta 8-12
WTCR Ecco il format dei weekend di gara 2018 7-12
WEC Le novità dopo il Consiglio Mondiale FIA 7-12
WRX Rilasciato il calendario per la stagione 2018 6-12
FORMULA E Confermata Punta del Este al posto di San Paolo 6-12
Vai al contenuto
alessandrosecchi

Alfa Romeo 159

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Alfa_Romeo_159_'51_L8_1,5lt._C..jpg

Scuderia SA Alfa Romeo

Anno di produzione 1950

Motore Alfa Romeo 158 L8 1479 cc con compressore

ELETTRONICA 

Telaio Portante a longheroni e traverse

Carburante e lubrificanti Shell

Pneumatici Pirelli

Luogo di produzione Milano (ITA) Google Maps

Progettista Gioacchino Colombo

Impiegata nel 1951

Piloti Juan Manuel Fangio, Giuseppe Farina, Luigi Fagioli, Consalvo Sanesi, Emmanuel De Graffenried Felice Bonetto

STATISTICHE 

GP Disputati 7 (+4 fuori campionato)

Vittorie 5 (+3 fuori campionato)

Podi 11 (+3 fuori campionato)

Pole Position 4 (+4 fuori campionato)

Giri Più Veloci 7

 

Alfa Romeo 159

Nel 1951, sulla base di un progetto che aveva ormai tredici anni di storia, quattro nuove vetture furono approntate dal Reparto Corse "spremendo" ancora più potenza dall'ormai leggendaria "158". Sulle "159" furono realizzate importanti migliorie, con il motore che, dopo l’applicazione dell’alimentazione a doppio stadio, raggiungeva al banco la "mostruosa" potenza di 425 CV a 9300 giri/min. Il telaio era stato rinforzato, il retrotreno sostituito con la soluzione tipo De Dion per reggere l'impressionante forza di trazione del motore e la carrozzeria leggermente allargata per contenere la presa dinamica e i serbatoi, i quali erano stati ampliati per ottenere la capacità di 350 litri resasi necessaria per l'incredibile consumo di carburante che la vettura richiedeva: riusciva infatti a percorrere poco più di mezzo chilometro con un litro. L’Alfetta 159 bruciò le tappe, confermando le sue qualità sia sui circuiti veloci, sia su quelli a percorso misto, e concluse la sua annata sportiva trionfando al G.P. di Barcellona dove conquistò il secondo Campionato del Mondo con Juan Manuel Fangio. Nel corso della stagione fu presentata con tre step evolutivi: la versione iniziale "159A" si distingueva dalla "B" probabilmente soltanto perché quest'ultima era un nuovo chassis '159-9' non derivante come gli altri da restyling delle "158". Verso metà stagione per fronteggiare la crescita notevole delle Ferrari, fu poi presentata per il Gran Premio d'Italia a Monza una ulteriore versione "M" – "Maggiorata" – a passo lungo. Nel corso del 1951, il reparto corse Alfa Romeo stava già lavorando al progetto della vettura per la stagione successiva: alla "159" di concezione assai tradizionale, doveva succedere la rivoluzionaria "160", progettata da Giuseppe Busso, il futuro "padre" della Giulietta. La caratteristica principale della nuova vettura erano la trazione integrale ed il posizionamento dell'alloggiamento del pilota dietro l'asse delle ruote posteriori che derivava da una idea di distribuzione dei pesi della vettura assolutamente inedita. Il progetto era nato per rispondere al cambio dei regolamenti deciso dalla Federazione Internazionale che chiudeva la Formula Uno alle potenti "Grand Prix" per riservarla alle "voiturette" F.2, una categoria nella quale, ad esempio al contrario della Ferrari, l'Alfa non aveva alcuna esperienza. La nuova formula doveva durare due anni e lasciare spazio, a partire dal 1954, ad un nuovo limite di cilindrata fissato a 2,5 litri aspirato. Proprio in vista del 1954, l'Alfa Romeo pensò per la "160" ad un nuovo dodici cilindri in linea progettato da Gioacchino Colombo che però non lasciò mai il banco di prova. Per verificare la bontà del progetto costruttivo, il 22 ottobre 1952, Consalvo Sanesi, storico collaudatore della casa del Biscione, scese in pista a Monza con una versione modificata di una "159" con la posizione di guida analoga a quella che avrebbe dovuto essere utilizzata nella "160". I risultati cronometrici non furono eccezionali e anzi sembra che Sanesi avanzasse parecchie riserve trovando la vettura difficile da guidare e piuttosto pericolosa. Fu l'unica uscita della 159 sperimentale: lo scarso successo del test, unito alle mutate politiche aziendali che privilegiarono la ricerca sulle vetture di serie rispetto alle competizioni e che già aveva portato al "disimpegno" della scuderia ufficiale in ambito sportcar, decretarono la fine non solo del progetto "160" senza che la nuova vettura lasciasse mai la "carta" su cui fu disegnata, ma anche la chiusura dello stesso Reparto Corse e all'uscita definitiva dell'Alfa dalla F.1.

159-1.jpg

159-2.jpg

159-3.jpg

( Massimo Piciotti )

Modificato da V6DINO

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


×