FORMULA E Putrajaya: di Grassi vince nel caos

di 07 novembre 2015, 08:35
Formula E | Putrajaya: di Grassi vince nel caos

Una corsa rocambolesca a Putrajaya ha consegnato la vittoria a Lucas di Grassi nel secondo round della Formula E. Il brasiliano ha preceduto sul traguardo Sam Bird, scattato quattordicesimo, ed un eroico Robin Frijns, che ha concluso la gara con la sospensione posteriore destra divelta dopo uno scontro col muretto. Prova sfortunata per le DAMS, con Buemi rallentato da problemi di software e Prost vittima di un vistoso rallentamento negli ultimi giri che lo ha privato di un podio sicuro.

Primo colpo di scena ancora prima del semaforo verde, con Sarrazin che si ferma in griglia perdendo così la seconda posizione conquistata in qualifica. Partenza lineare nelle prime posizioni con Buemi che mantiene il comando su Duval, da Costa, Prost e di Grassi. Nelle retrovie invece termina subito la gara di Vergne, che rompe la sospensione anteriore destra (probabile contatto con Senna) andando poi a centrare l'incolpevole Heidfeld.

Al quinto giro la gara viene neutralizzata con Safety Car per l'incidente di Oliver Turvey, che si stampa contro le protezioni con la sua China-NextEV. Durante i due giri alle spalle della vettura di sicurezza vengono assegnati anche i FanBoost: li ricevono Heidfeld, Piquet e lo stesso Turvey, già ritirato.

La gara riprende all'ottavo passaggio e già nel corso di quello successivo Prost si prende la terza posizione ai danni di da Costa, anche grazie ad un motore Renault decisamente più performante di quello McLaren.

Senza particolari sussulti si arriva al quindicesimo giro, quando un problema di software rallenta Buemi, che sino ad allora aveva proceduto con un passo veloce e costante. DAMS corre ai ripari richiamando subito anche Prost al cambio vettura, addirittura un paio di giri in anticipo rispetto a Duval, da Costa e di Grassi che erano in bagarre con lui.

Pit stop non impeccabile sia per il francese della Dragon che per il portoghese della Aguri. Prost si prende dunque il comando su da Costa, di Grassi e proprio Duval che retrocede quarto. Dragon Racing, d'altro canto, compie un buon lavoro sulla vettura di d'Ambrosio, permettendogli di sopravanzare Frijns per la quinta posizione. Buemi invece scivola al nono posto, mentre una sosta al di sotto del limite minimo di tempo costa un drive through a Heidfeld.

La gara sfortunata del team DAMS prosegue con Prost che inizia a calare notevolmente il ritmo. Di Grassi passa al comando all'inizio del ventiquattresimo giro, mentre da Costa ha ragione del francese durante il passaggio successivo. Dura pochissimo la gioia del pilota Aguri, la cui vettura si spegne per due volte nel corso della ventiseiesima tornata, lasciando il secondo posto a Duval, che nel frattempo ha superato Prost.

Non finisce qui però, poiché Prost continua a perdere posizioni subendo il ritorno di d'Ambrosio e Frijns, ma anche Duval perde un podio quasi certo a tre giri dal termine, anch'egli presumibilmente per un inconveniente elettrico dato che la sua Dragon si ferma in mezzo alla pista poco dopo il lento tornantino a destra. Frijns è abile a scavalcare subito il francese ma va a toccare il muro regalando il terzo posto a Bird.

L'ultima emozione la regala proprio d'Ambrosio, che getta alle ortiche il secondo posto sbattendo all'ultimo giro. Sul podio con di Grassi salgono così Bird e Frijns, il quale porta al traguardo la sua Andretti nonostante la sospensione tranciata dall'impatto al trentesimo giro. Sarrazin, partito dalla pit lane, è quarto seguito da Bruno Senna, poi da Costa, Abt, Piquet, Heidfeld e Prost che conclude la sua agonia in decima posizione. Fuori dai punti invece Villeneuve, undicesimo davanti a Buemi e a Simona de Silvestro.

Lucas di Grassi è anche nuovo leader della classifica generale con otto lunghezze di vantaggio su Buemi, poi Bird, Heidfeld e Frijns. Situazione incerta anche tra i team, con Abt primo a 49 punti seguito da DAMS a 36 e Mahindra a 27.

Il circus della Formula E si sposta ora verso le Americhe, dove il 19 dicembre si svolgerà l'ePrix di Punta del Este, in Uruguay.

Classifica di gara:

femal2

Classifica generale:

fegenmal

Immagine copertina: twitter.com/ERacingMag


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.