FORMULA E Pechino: inarrestabile Buemi, sua la vittoria

di 24 ottobre 2015, 11:45
Formula E | Pechino: inarrestabile Buemi, sua la vittoria

L'ePrix di Pechino, primo appuntamento della stagione 2015-2016 di Formula E, è stato dominato da Sébastien Buemi e dalla DAMS-Renault. Gara comandata dalla prima all'ultima curva dallo svizzero, che si è imposto sulla Abt-Schaeffler di Lucas di Grassi e sulla Mahindra di Nick Heidfeld. Da dimenticare invece la prova di Nicolas Prost, partito male e ritirato dopo un contatto col muretto.

Già al semaforo verde, Heidfeld sorprende Prost dalla seconda fila. Ottima partenza anche per l'altra vettura indiana, quella pilotata da Bruno Senna che recupera la quinta posizione in bagarre con Vergne.

Al secondo giro, Prost finisce lungo e cede a di Grassi anche la terza posizione. Pochi secondi dopo, Simona de Silvestro si stampa contro il muro e provoca la prima full course yellow.

Alla ripartenza si mette in evidenza il rimontante Bird, che scavalca Duval per il settimo posto ma commette un errore poco dopo perdendo posizioni. L'inglese riceve anche il FanBoost insieme ai due piloti del team China, che stazionano però in fondo alla classifica.

Senna, Vergne e Duval lottano per la quinta posizione a suon di sorpassi, finché il brasiliano non inizia a rallentare durante il decimo giro, venendo superato anche da Sarrazin e Bird. Duval si lancia invece all'attacco di Vergne, i due si toccano e l'alfiere del team Virgin è costretto a saltare una chicane perdendo una posizione anche a vantaggio del compagno di squadra, Bird.

Il pit stop per il cambio vettura svantaggia notevolmente le Mahindra, con Heidfeld scavalcato da di Grassi e Prost e Senna che precipita a fondo classifica. Il tedesco si riprende tuttavia subito la terza posizione su Prost, proprio poco prima dello scontro tra da Costa e Villeneuve che causa la seconda neutralizzazione della gara. Non chiara la dinamica dell'incidente, ma la sospensione anteriore destra tranciata del portoghese non lascia pensare ad un errore di quest'ultimo.

La full course yellow dà un grande vantaggio a chi ha tardato di un giro la sosta: Duval, d'Ambrosio, Turvey, Berthon e Piquet "scontano" il periodo di neutralizzazione ai box, recuperando diverse posizioni.

Alla ripresa delle ostilità, Prost sorprende nuovamente Heidfeld riconquistando l'ultima piazza sul podio, mentre Buemi prosegue indisturbato al comando. Rallenta vistosamente Piquet, che aveva recuperato un piazzamento nella top ten dopo la sosta.

Prost recupera inesorabilmente vantaggio su di Grassi, ma al ventesimo giro tocca il muro perdendo la carenatura della ruota posteriore destra e, soprattutto, danneggiando l'ala posteriore. Il figlio d'arte viene richiamato ai box con la bandiera nero-arancione e si ritira.

Buemi vince l'apertura stagionale con ben undici secondi di vantaggio su Lucas di Grassi, poi Heidfeld che controlla il furioso recupero delle Virgin di Duval e d'Ambrosio. Sesto Oliver Turvey con l'altra China-NextEV, davanti a Bird, Berthon, Abt e Sarrazin. Proprio quest'ultimo scavalca Robin Frijns proprio sul traguardo, con l'olandese che passa undicesimo sotto la bandiera a scacchi rallentando vistosamente. Bottino pieno dunque per Buemi, che aggiunge i punti di pole e giro veloce ai 25 della vittoria, per un inizio di stagione sfolgorante.

La Formula E tornerà in pista tra due settimane a Putrajaya, in Malesia.

Così in gara:

fegara

Classifica generale:

classgenfe


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.