FORMULA E New York: doppietta per Bird, Mahindra sul podio

Il britannico del team Virgin è imbattibile, di Grassi è solo quinto di 16 luglio 2017, 21:42
Formula E | New York: doppietta per Bird, Mahindra sul podio

Ancora Sam Bird. L'assoluto dominatore del primo ePrix di New York è stato sicuramente lui, capace di imporsi per ben due volte nel porto di Brooklyn al volante della Virgin-Citroën. Come ieri sono salite sul podio entrambe le Techeetah, oggi in seconda e terza piazza hanno trovato posto le Mahindra di Felix Rosenqvist e Nick Heidfeld, che hanno preceduto in una rocambolesca volata Pierre Gasly. Solo un quinto posto per Lucas di Grassi, che ha ridotto a dieci lunghezze il suo distacco da Sébastien Buemi complicando però il suo assalto al titolo, considerati i valori in campo visti negli USA in questo weekend.

Esattamente come ieri, la pole position è coincisa con la perdita della prima posizione alla prima curva perché Rosenqvist è riuscito a replicare su Bird la stessa manovra effettuata 24 ore fa da Daniel Abt su Alexander Lynn. La leadership della Mahindra #19 è durata appena dieci giri perché proprio a quel punto Bird è stato abile nel riprendersi il comando delle operazioni, per poi non abbandonare più la posizione fino alla bandiera a scacchi.

Le Mahindra hanno corso in scia per tutta la gara, con Heidfeld partito bene e capace di liberarsi subito di Gasly. La sostituzione dell'ala posteriore di Vergne, resasi necessaria dopo un incidente al primo giro, ha consegnato la terza piazza al tedesco, capace anche di avere ragione del compagno di squadra al 35esimo passaggio prima di dover restituire la posizione una dozzina di giri più tardi. Per Heidfeld è il quinto terzo posto stagionale, mentre Rosenqvist rafforza ulteriormente il suo piazzamento in classifica generale.

In quarta posizione è giunto Pierre Gasly, sorprendentemente più agile delle Mahindra nel gestire le batterie nel finale ma rimasto al quarto posto dopo essere stato chiuso contro le barriere dallo stesso Heidfeld all'ultima curva. Gasly ha letteralmente trascinato un pezzo di barriera in pista, attraversando la pista da parte a parte e sbattendo contro le protezioni interne dopo avere tagliato il traguardo. Dopo la défaillance di ieri, il campione GP2 si è pienamente ripreso ed è riuscito a togliere due punti a Lucas di Grassi.

Il brasiliano del team Abt ha passato un'altra giornata difficile, chiudendo quinto in rimonta dalla nona posizione. Nella prima parte di gara ha evitato miracolosamente l'incidente tra il garibaldino Dillmann e Abt alla prima curva, pur restando dietro alla Venturi #4 dopo la suddetta manovra, superando poi sia l'alsaziano alla guida della vettura monegasca che Turvey sulla China-NextEV. Dopo il cambio vettura, avvenuto per tutti durante la Full Course Yellow resasi necessaria per rimuovere la vettura di Lynn, di Grassi ha resistito agli attacchi di Nicolas Prost concludendo quinto e raccogliendo così dieci punti.

Con il figlio d'arte sesto e incapace di togliere punti all'avversario di Buemi, a differenza del rookie Gasly, più indietro si è scatenata una lotta all'ultimo punto percentuale di batteria: l'ha spuntata il rimontante Dillmann, settimo sul traguardo davanti a Vergne e Frijns, il quale è rimasto in pista durante la FCY sostituendo la vettura solo pochi giri più tardi: così facendo, l'olandese ha perso posizioni in pista ma ha potuto spingere maggiormente nel finale, scavalcando Jérôme d'Ambrosio che ha perso due posizioni nel corso dell'ultimo giro. 

Il pilota Dragon ha combattuto a lungo con il compagno di squadra Duval e con la Andretti di da Costa. Il francese e il portoghese sono anche venuti a contatto al 46esimo giro, con da Costa giudicato colpevole e penalizzato con un drive through che gli è costato un importante piazzamento a punti. 11esimo Adam Carroll con la prima delle Jaguar, davanti a Sarrazin, mentre le China-NextEV hanno concluso a fondo classifica con Turvey e Piquet.

Costretto allo stop anche Daniel Abt, scivolato indietro già durante il primo giro dopo il suddetto incidente con Dillmann e ritiratosi prematuramente dopo avere accusato un problema alla batteria. Il tedesco ha comunque conquistato il punto del giro veloce.

Come detto, di Grassi risale a dieci lunghezze da Buemi quando mancano solo le due gare di Montréal, tra due settimane. Per il terzo posto assoluto se la vedranno Rosenqvist (104 punti), Bird (100), Prost (84), Heidfeld (78) e Vergne (74). 

Classifica di gara:

Classifica di campionato:

Immagine copertina: twitter.com/FIAformulaE


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.