F2 Azerbaijan: Leclerc mette tutti in riga nel caos

Nuovo successo per il monegasco dopo il "battesimo" di Gelael al castello di 24 giugno 2017, 11:55 226 visualizzazioni
F2 | Azerbaijan: Leclerc mette tutti in riga nel caos

Nessuno ferma Charles Leclerc. Il monegasco del team Prema ha dominato la prima gara della F2 a Baku precedendo Nyck de Vries e Nicholas Latifi dopo una bandiera rossa causata dal primo vero "ingorgo" nella strettoia del castello: durante il 25esimo giro Sean Gelael ha intraversato la sua Dallara proprio nel punto più insidioso della pista, bloccando tutti i piloti che lo inseguivano in quel momento, già concitato, della corsa. Impossibile liberare la pista in pochi minuti per completare i quattro giri rimanenti, dunque interruzione definitiva e classifica finale al 24esimo passaggio sul traguardo.

Leclerc è stato insidiato più volte da de Vries, abile a sfruttare le due Safety Car per rimanere il più possibile nella scia del fuggitivo: la prima interruzione si è resa necessaria già durante il primo giro quando Johnny Cecotto jr, dopo essere rimasto fermo in griglia, è ripartito dai box andando però subito a schiantarsi alla prima curva a gomme fredde; ci ha poi pensato Louis Délétraz a ricompattare ulteriormente il gruppo durante il 12esimo passaggio, dopo essere finito a muro con la sua Racing Engineering.

Insostenibile il ritmo di Leclerc, che non appena si è ritrovato la pista libera davanti ha viaggiato con un ritmo tra i cinque e gli otto decimi più veloce rispetto all'olandese del team Rapax. Risultato comunque positivo per de Vries, considerando che si è lasciato alle spalle piloti appartenenti a team sulla carta ben più competitivi rispetto a quello padovano.

Nicholas Latifi ha completato il podio dopo un'ottima gara, condita con un pizzico di fortuna visto che la rimonta del compagno di squadra (in DAMS) Oliver Rowland sembrava implacabile. Il britannico ha corso un primo stint incolore, sfavorito anche dalla cattiva qualifica, scatenandosi appena dopo avere montato le gomme medie: notevole il triplo sorpasso durante la ripartenza dalla seconda Safety Car ai danni di Canamasas, King e Nato che fino a quel momento lo precedevano. Occasione che può ritenersi persa, tuttavia, per Rowland, che vede Leclerc allontanarsi nuovamente in classifica generale.

Dopo essersi battuto come un leone a suon di staccate al limite, Artem Markelov ha concluso quinto davanti ai rimontanti Norman Nato e Jordan King. Ottavo Ralph Boschung, il quale non ha fatto in tempo ad effettuare la sosta obbligatoria a causa della bandiera rossa e dunque potrebbe ricevere una penalità. 

Un'eventuale retrocessione dello svizzero consegnerebbe la pole della sprint race di domani a Sergio Canamasas, finito nella via di fuga (e poche curve dopo anche a muro) proprio mentre Gelael scatenava l'inferno nella zona del castello e quindi "ripescato" dalla classifica al giro precedente. Top ten al rientro nella categoria anche per Sergey Sirotkin, primo ad essere stato "bloccato" dall'indonesiano del team Arden. Altro protagonista della gara è stato Nobuharu Matsushita, in corsa per il podio fino all'inizio del 20esimo giro, quando un dritto in curva 1 lo ha spedito al 12esimo posto finale.

Originariamente, all'ottavo posto aveva concluso il giovane brasiliano Câmara, penalizzato poi di dieci secondi per non avere rallentato a sufficienza durante una Safety Car; analoga penalità inflitta allo stesso Gelael e a Robert Vişoiu, che si trovavano davanti a Sirotkin.

Gara sfortunata per Luca Ghiotto, che dopo l'incidente di ieri in qualifica ha puntato su una strategia inversa: primo stint lungo con gomme medie e finale sprint con le Super Soft. Il vicentino è stato fortemente penalizzato dalle due Safety Car, che non gli hanno permesso di beneficiare minimamente della sosta ritardata retrocedendolo in 16esima posizione.

Disastro su tutta la linea per Antonio Fuoco, che si è stampato contro Canamasas durante il settimo giro, poco dopo il cambio gomme. Il confronto con Leclerc si fa sempre più impietoso per il 21enne di Cariati, che ha incassato appena due punti contro i 108 del compagno di squadra. Il vantaggio di Leclerc su Rowland torna ad essere importante, 22 punti, mentre Markelov rimane terzo a quota 70.

Mezzogiorno di fuoco domani, quando prenderà il via della sprint race, ottava corsa di questo campionato.

Classifica:

Immagine copertina: fiaformula2.com


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.