F2 Austria: assolo di Markelov, Leclerc out

Il russo domina la sprint race, il monegasco è messo fuori da un contatto con Fuoco di 09 luglio 2017, 11:57
F2 | Austria: assolo di Markelov, Leclerc out

La sprint race della F2 a Spielberg è stata dominata da Artem Markelov, partito dalla pole dopo l'ottavo posto di ieri e indisturbato per tutti i 28 giri percorsi. Sul podio, assieme al russo, sono saliti Alexander Albon e Oliver Rowland. Markelov e Rowland recuperano qualche punto in classifica su Charles Leclerc, messo fuori gioco da un contatto con il compagno di squadra Antonio Fuoco nel corso di una bagarre che vedeva coinvolto anche lo stesso Rowland. Il pilota britannico è stato poi scagionato da un'investigazione per blocking su Fuoco alla curva Rauch, riuscendo a proseguire la sua rincorsa (invano) su Albon.

Buono il primo podio nella categoria per l'anglo-thailandese del team ART, al ritorno dopo l'infortunio alla spalla pre-Baku, già quinto ieri e capace sin qui di prendere punti in ogni gara disputata. Non è andata altrettanto bene al suo compagno di box Nobuharu Matsushita, che partiva davanti ad Albon ma si è mosso molto male al semaforo verde sprofondando nelle retrovie. Il giapponese ha concluso solo 14esimo.

L'uomo del giorno però guida l'altra Russian Time e risponde al nome di Luca Ghiotto. Il vicentino è partito ottimamente dalla 14esima casella e ha risalito tutta la classifica fino al quarto posto finale, buona iniezione di fiducia dopo qualche gara difficile. Ghiotto si è lasciato alle spalle Fuoco, calato negli ultimi giri col degrado delle gomme ma capace di incassare altri punti preziosi. Sul pilota italiano pende un'investigazione per l'incidente del sesto giro con Gustav Malja, ma con tutta probabilità l'episodio sarà considerato come contatto fortuito.

Sesta posizione per Jordan King, che ha preceduto Nicholas Latifi. Il canadese del team DAMS ha però perduto una posizione a causa dei cinque secondi di penalità aggiunti dopo la bandiera a scacchi: durante la Safety Car del primo giro per il tamponamento di Raffaele Marciello ai danni di Ralph Boschung, che ha richiesto la pulizia del rettifilo di partenza, Latifi ha dimenticato di inserire il limitatore nel passaggio in pit lane eccedendo così il limite di velocità. Il settimo posto è stato così ereditato da Norman Nato, partito ultimo dopo il cedimento meccanico di ieri pomeriggio.

Gara da dimenticare per Nyck de Vries, che non ha visto la bandiera scacchi e nel post-gara dovrà fare i conti con ben due investigazioni: la prima per un sorpasso in regime di Safety Car, sempre nel corso del primo giro, la seconda per lo scontro con Robert Vişoiu al 25esimo passaggio, dove il romeno ha evidentemente forzato la staccata della Rauch ma l'olandese al contempo potrebbe non avere lasciato sufficiente spazio. In caso di penalità de Vries prederebbe posizioni sulla griglia di partenza di Silverstone, così come sicuramente ne perderà Boschung, penalizzato di dieci secondi per un sorpasso durante la Safety Car ma già ritirato come conseguenza dell'incidente sopracitato con Marciello. Weekend da dimenticare, a tal proposito, per il pilota Mercedes GT, che ha faticato a riprendere confidenza con la Dallara GP2/11 rimanendo sempre nelle posizioni di rincalzo tra prove e gare. 

In classifica generale rimane intatta la leadership di Leclerc con 151 punti, con Rowland che risale a quota 102 e Markelov a 99. Più staccato Latifi, con 72 punti, mentre Ghiotto è quinto con 66. Per quanto riguarda le squadre, 174 punti pari per Prema e DAMS mentre Russian Time insegue a 165.

Prossimo appuntamento tra appena sette giorni a Silverstone. In occasione del Gran Premio di Gran Bretagna verrà sperimentato un nuovo format, con le prove libere al giovedì.

Classifica di gara:

Classifica di campionato:


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE

Nessun commento

Prendi parte alla discussione

Solo gli utenti registrati possono commentare.