F1 Possibili revisioni al sistema DRS dopo il GP di Cina

Le novità aerodinamiche introdotte quest'anno potrebbero coinvolgere anche l'ala posteriore mobile di 21 marzo 2017, 16:53
F1 | Possibili revisioni al sistema DRS dopo il GP di Cina

A partire dai giorni immediatamente successivi il lancio della rivoluzione tecnica 2017, specie in vista della maggiore enfasi sull'aerodinamica delle nuove vetture, molti progettisti di F1 si sono detti scettici riguardo l'utilità di un sistema come il DRS su monoposto effettivamente estreme come quelle ora in uso. Il maggiore carico aerodinamico sembra infatti destinato a rendere più difficoltosi i sorpassi, anche con l'utilizzo dell'ala posteriore mobile introdotta nel 2011.

Stando a quanto si legge su F1Fanatic, i vertici della F1 hanno già preso delle decisioni riguardo alcune modifiche da apportare al DRS e le renderanno note dopo il Gran Premio della Cina. Si è comunque deciso di utilizzare le prime due gare per verificare se davvero i sorpassi saranno molto difficili, o addirittura impossibili, come si crede: non essendo il circuito di Melbourne particolarmente adatto per sua stessa natura, il chilometrico rettilineo di Shanghai darà invece un responso più chiaro a tal proposito.

Così si è espresso Aldo Costa, direttore degli ingegneri Mercedes"Abbiamo bisogno di farci un'idea riguardo i sorpassi, perché queste macchine sono fondamentalmente diverse dal punto di vista aerodinamico. Non sono state particolarmente studiate per incrementare i sorpassi, quindi dobbiamo capire come si comporteranno. L'effetto del DRS sarà minore, quindi la FIA dovrà probabilmente allungare le zone DRS, per renderlo efficace quanto o anche più di prima. Dobbiamo scoprire a che punto siamo in termini di competizione, tutti insieme, passo a passo. Queste vetture sono eccezionali dal punto di vista dello sviluppo aerodinamico, sono molto più performanti e veloci, più belle, aggressive e moderne. Ma, in termini di competizione, dovremo imparare come una comunità".


COMMENTA

LASCIA LA TUA OPINIONE